Differenze tra le versioni di "Religioni in Italia"

m
Correzione di un wikilink
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile
m (Correzione di un wikilink)
Sono tuttavia presenti diverse altre confessioni cristiane: i fedeli [[Cristianesimo ortodosso in Italia|ortodossi]] sono quasi 1,3 milioni, per lo più di recente immigrazione;<ref name=DCM>Dossier Caritas/Migrantes 2009</ref><ref name=Stampa>{{Cita web|url=http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=196&ID_articolo=712&ID_sezione=396&sezione=|accesso=8 giugno 2010|titolo=La Stampa - Italia: Ortodossia supera Islam}}</ref> i [[Protestantesimo in Italia|protestanti]] sono circa 750.000;<ref name=NRI>{{Cita web|url=http://www.cesnur.org/religioni_italia/introduzione_01.htm|accesso=27 marzo 2010|titolo=Le religioni in Italia}}</ref> Di antichissima origine è la [[Ebraismo in Italia|comunità ebraica]] italiana, che ammonta oggi a circa 36.000 fedeli.<ref name=NRI /> Più recente è la diffusione dei movimenti di ispirazione cristiana dei [[mormoni]], che conta 22.000 fedeli,<ref>{{en}}{{Cita web|url=http://newsroom.lds.org/ldsnewsroom/eng/contact-us/italy|accesso=26 marzo 2010|titolo=Newsroom ufficiale della Chiesa di Gesù Cristo e dei Santi degli ultimi giorni}}</ref> e dei [[testimoni di Geova]], che conta 248.743 aderenti.<ref name=autogenerato1>''Annuario dei Testimoni di Geova 2014'', pag 182 {{NoISBN}}</ref>
 
La diffusione di altre religioni non appartenenti al cristianesimo è stata in gran parte determinata dai fenomeni migratori degli ultimi decenni: si stima che in Italia risiedano oggi oltre 1,2 milioni di [[Islam in Italia|musulmani]] secondo la [[Lega musulmana mondiale]] e tra 600.000 e 650.000 secondo [[Caritas Italiana|Caritas]],<ref>{{Cita web|url=http://www.uniurb.it/giornalismo/lavori/melis/Valentina/intervista1.html|accesso=26 marzo 2010|titolo=Il numero di musulmani in Italia, intervista a Mario Scialoja, della Lega musulmana mondiale}}</ref> 103.000 [[Buddhismo|buddisti]],<ref>{{Cita|Lionel|p.128.|Lionel, 2009}}</ref> 108.000 [[Induismo in Italia|induisti]],<ref name=DCM /> 25.000 [[Sikhismo in Italia|sikh]]<ref>{{Cita web|url=http://www.stpauls.it/jesus/0703je/0703je46.htm|accesso=6 marzo 2010|titolo=Flero,provincia del Punjab}}</ref> e 45.000 [[Animismo|animisti]].<ref name=NRI /> I [[Paganesimo in Italia|movimenti neopagani]] contano poco più di 13.000 aderenti.<ref name=NRI />
 
Riguardo alle [[statistica|statistiche]] sulle religioni presenti in Italia esiste una certa aliquota di incertezza nel calcolo, dovuto al fatto che i numeri dei credenti vengono spesso elaborati sulla base dell'ufficialità dell'adesione alle varie religioni attraverso riti quali per esempio il [[battesimo]]. Questo metodo non tiene conto però di chi abbandona in seguito quella particolare di fede o di chi professa apertamente l'[[ateismo]], che conterebbe nel paese, secondo alcune stime, almeno 9 milioni di cittadini.<ref>[http://www.uaar.it/ateismo/statistiche/numeri_italia/ Quanti atei in Italia, per sottrazione… | UAAR<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref> Questo problema statistico si evidenzia in maniera importante in particolare per la Chiesa cattolica.<ref>[http://www.uaar.it/ateismo/statistiche/quanti_cattolici/ Ma quanti sono questi cattolici? | UAAR<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref><ref>[http://www.uaar.it/ateismo/statistiche/statistiche_cattoliche/ L'inattendibilità delle statistiche della Chiesa | UAAR<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref> Secondo il 46/o rapporto annuale CENSIS si considererebbe cattolico il 63,8% degli italiani.<ref>[http://www.buonanotizia.org/index.php?option=com_content&view=article&id=3557:censis-religione-e-cattolico-il-638-degli-italiani&catid=31:religione&Itemid=46 CENSIS: Religione; è cattolico il 63,8% degli italiani<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref>; tuttavia, secondo altre stime, se si fa riferimento a chi effettivamente frequenta costantemente i riti e le assemblee religiose, i [[Cattolici]] praticanti sarebbero indicativamente circa il 36% degli italiani<ref>Eurispes 2006</ref>.
614

contributi