Differenze tra le versioni di "The New Vaudeville Band"

riscritta la frase del megafono. In generale la voce è una traduzione macchinosa e andrebbe rivista estensivamente
(Un errore di traduzione che snaturava il senso della frase inglese "Rudy Vallee megaphone style vocal" che si legge nella verione in inglese di Wikipedia.)
(riscritta la frase del megafono. In generale la voce è una traduzione macchinosa e andrebbe rivista estensivamente)
|anno fine attività =1968
|numero totale album pubblicati =3
}}'''The New Vaudeville Band''' è stato un gruppo creato dal compositore [[Geoff Stephens]] (nato il 1º ottobre 1934 a [[Londra]]). Nel 1966, per poter registrare l'ultima sua composizione "[[Winchester Cathedral (singolo)|Winchester Cathedral]]", una canzone ispirata alle orchestre da ballo degli [[anni 1920]] con un vocal nello stile di Rudy Vallee, il notissimo cantante di quel periodo, eseguito con l'ausilio di un [[megafono]] (l'antenato del microfono), mise insieme un gruppo di musicisti, raccolti qua e là, di varie provenienze e ispirazioni.<ref name="AMG">{{Cita web |nome= |cognome= |url={{Allmusic|class=artist|id=p24664/biography|pure_url=yes}} |titolo=Biography by Steve Huey |editore=Allmusic.com |accesso=11 marzo 2009}}</ref> La canzone è ispirata alle orchestre da ballo degli [[anni 1920]], con [[John Carter (musicista)|John Carter]] che canta all'interno di un [[megafono]], per imitare lo stile di [[Rudy Vallee]], notissimo cantante di quel periodo. Con sua grande sorpresa, la canzone diventò in autunno un successo mondiale, raggiungendo la ''Top 10'' nel [[Regno Unito]] fino ad arrivare al #1 negli [[Stati Uniti]].<ref name="AMG"/> Le vendite globali del singolo furono di oltre tre milioni di dischi, con tanto di certificazione [[RIAA]] che dava lo status di "[[disco d'oro]]".<ref name="The Book of Golden Discs"/> Il brano vinse anche un [[Grammy Award]] per la Miglior Canzone Contemporanea nel 1967.<ref name="The Book of Golden Discs">{{Cita libro
| nome= Joseph
| cognome= Murrells
Utente anonimo