Raimondo Peralta: differenze tra le versioni

redirect
Nessun oggetto della modifica
(redirect)
Etichetta: Rimozione di avvisi di servizio
{{U|#REDIRECT [[Ramon de Peralta}}]]
{{F|nobili italiani|ottobre 2015}}
{{Bio
|Nome = Raimondo
|Cognome = Peralta
|Sesso = M
|LuogoNascita =
|GiornoMeseNascita =
|AnnoNascita =
|LuogoMorte = Sciacca?
|LuogoMorteLink = Sciacca
|GiornoMeseMorte =
|AnnoMorte = 1350
|Attività =
|Nazionalità = italiano
|Categorie = no
|FineIncipit = fu il capostipite del ramo siciliano di una potente famiglia del [[XIV secolo]] signore incontrastato del [[Val di Mazara]] nel XIV e XV secolo
}}
==Biografia==
Raimondo è figlio di un intreccio familiare: il padre è Filippo Peralta, fratello uterino di [[Costanza II di Sicilia|Costanza]] (figlia di [[Manfredi di Sicilia]] e nipote di [[Federico II di Svevia]]), regina di Sicilia dal [[1282]] al [[1285]], poiché moglie di [[Pietro III di Aragona|Pietro III di Sicilia]]; la madre di Raimondo è Aldonza Fernandez, figlia di [[Eufemia d'Aragona|Eufemia di Aragona]], a sua volta primogenita di [[Pietro II di Sicilia]], nonché regina di Sicilia dal [[1355]] al [[1357]]<ref>{{cita libro | nome=Francesco | cognome= San Martino De Spucches | titolo= La Storia dei feudi e dei titoli nobiliari di Sicilia dalla loro origine ai nostri giorni |volume=II| anno=1924 | editore=Scuola tip. Boccone del popolo | città=Palermo|pp=75-76}}</ref>, signora della baronia di Castro e Peralta.
 
Giunto in [[Sicilia]] dietro invito di [[Federico III di Sicilia]], suo trisavolo (padre di [[Pietro II di Sicilia]]), ottiene, nel [[1338]], l'investitura di conte di [[Caltabellotta]], [[Calatubo]], [[Borgetto]] e [[Castellammare del Golfo]] e di Ammiraglio della Corona d'Aragona. Come militare sarà protagonista della guerra per la conquista della Sardegna.
 
Fu un fervente sostenitore della fazione catalana nell'isola durante il regno aragonese, si unì in seconde nozze a Isabella (o Elisabetta), figlia naturale di Federico III e di [[Sibilla Sormella]], prozia della madre Aldonza Fernandez. Gli succedette il figlio [[Guglielmo Peralta|Guglielmo]].
 
==Note==
<references />
 
==Voci correlate==
*[[Peralta (famiglia)]]
 
{{Vespri siciliani}}
{{Portale|biografie}}
 
[[Categoria:Persone legate ai Vespri siciliani]]
Utente anonimo