Differenze tra le versioni di "Le quattro giornate di Napoli"

Aggiunte informazioni
m (aggiornamento codice template film)
(Aggiunte informazioni)
|musicista = [[Carlo Rustichelli]]
|scenografo = [[Gianni Polidori]]
|premi (campo da eliminare)= *[[Nastro d'argento]] ([[1963]]):
::- migliore regia ([[Nanni Loy]]) [ex aequo con [[Francesco Rosi]] per ''[[Salvatore Giuliano (film)|Salvatore Giuliano]]''],
::- migliore sceneggiatura ([[Carlo Bernari]], [[Pasquale Festa Campanile]], [[Massimo Franciosa]], [[Nanni Loy]]),
::- migliore attrice non protagonista ([[Regina Bianchi]]).
*[[Laceno d'oro]] ([[1963]]):
::- migliore regia ([[Nanni Loy]]).
}}
'''''Le quattro giornate di Napoli''''' è un [[film]] drammatico del [[1962]] diretto da [[Nanni Loy]].
 
Il film, ispirato al libro di [[Aldo De Jaco]] ''La città insorge: le quattro giornate di Napoli'' del [[1956]], fu prodotto da [[Goffredo Lombardo]] e fu candidato all'Oscar nel [[1962]] come [[Oscar al miglior film in lingua straniera|miglior film straniero]] e per la sceneggiatura.
 
Il film è dedicato all'undicenne [[Medaglia d'oro al valor militare]] [[Gennaro Capuozzo]].
 
Analogamente, la scena della fucilazione del marinaio livornese, avvenuta nella realtà sulle scalinate dell'Università degli Studi di Napoli "Federico II" al Corso Umberto I, è stata invece girata davanti all'Accademia di Belle Arti di Napoli, in Via Bellini.
 
==Riconoscimenti==
*[[Golden Globe 1963|1963]] - [[Golden Globe]]
**Candidatura a [[Golden Globe per il miglior film straniero|Miglior film straniero]] (''Italia'')
*[[Nastri d'argento 1963|1963]] - [[Nastro d'argento]]
**[[Nastro d'argento al regista del miglior film|Regista del miglior film]] a [[Nanni Loy]]
::-**[[Nastro d'argento alla migliore sceneggiatura|Migliore sceneggiatura]] a ([[Carlo Bernari]], [[Pasquale Festa Campanile]], [[Massimo Franciosa]], [[Nanni Loy]]),
::-**[[Nastro d'argento alla migliore attrice non protagonista|Migliore attrice non protagonista]] a ([[Regina Bianchi]]).
**Candidatura a [[Nastro d'argento al migliore attore non protagonista|Migliore attore non protagonista]] a [[GIan Maria Volontè]]
**Candidatura a [[Nastro d'argento alla migliore attrice non protagonista|Migliore attrice non protagonista]] a [[Lea Massari]]
**Candidatura a [[Nastro d'argento alla migliore colonna sonora|Migliore colonna sonora]] a [[Carlo Rustichelli]]
*[[1963]] - [[Globo d'oro]]
**Candidatura a [[Globo d'oro al miglior film|Miglior film]] a [[Nanni Loy]]
*[[1963]] - [[Grolla d'oro]]
**Miglior produttore a [[Goffredo Lombardo]]
*[[1963]] - [[Laceno d'oro]] ([[1963]]):
**Migliore regia a [[Nanni Loy]]
*[[Premi Oscar 1963|1963]] - [[Premio Oscar]]
**Candidatura a [[Oscar al miglior film straniero|Miglior film straniero]] (''Italia'')
*[[Premi Oscar 1964|1964]] - [[Premio Oscar]]
**Candidatura a [[Oscar alla migliore sceneggiatura originale|Migliore sceneggiatura originale]] a [[Pasquale Festa Campanile]], [[Massimo Franciosa]], [[Nanni Loy]], [[Vasco Pratolini]] e [[Carlo Bernari]]
*[[Premi BAFTA 1964|1964]] - [[British Academy Film Award]]
**Candidatura a [[BAFTA al miglior film|Miglior film straniero]] (''Italia'')
== Curiosità ==
* Il "''[[Panzer]]'' tedesco" e il cannone visibili sullo schermo sono in realtà di origine alleata: si tratta infatti di un [[M47 Patton]] americano (riconoscibile dal [[freno di bocca]] e con tanto di mitragliatrice [[Browning M1919]], cal. 0.30 ovvero 7,62 mm sulla sommità della torretta) e di un pezzo [[controcarro]] da [[Ordnance QF 25 lb|25 libbre]] inglese. Verosimilmente nel [[1962]] entrambi erano in uso presso l'[[Esercito Italiano]], anche se in torretta l'M47 montava preferibilmente la Browning cal. 0.50 (12,7 mm.).
Utente anonimo