Differenze tra le versioni di "Combattimento di Minerva contro Marte"

Aggiunte note e immagine
(Aggiunta descrizione (presa dalla voce francese))
(Aggiunte note e immagine)
Etichetta: Editor wikitesto 2017
 
== Storia ==
[[Image:Lille Pdba david minerve mars.JPG|thumb|left|Studio preparatorio conservato al [[Palais des beaux-arts de Lille]]]]
Il dipinto fu realizzato da David per il concorso del[[ Prix de Rome]] del 1771. Al pari degli altri sette candidati selezionati, David dovette dipingere, in dieci settimane, un dipinto originale su un determinato argomento. <ref name ="Sahut Michel 16" >{{harvsp|Michel|1988|p=16|id=Michel1988}}</ref> [[Omero]] era, ai quei tempi, molto in voga, pertanto si scelse come soggetto del dipinto l'[[Iliade]]. David non riuscì a vincere il Prix, che fu assegnato a [[Joseph-Benoît Suvée]], e la sua opera fu aspramente criticata da [[Joseph-Marie Vien]], il quale avrebbe impedito che il Prix andasse a David.<ref name ="Sahut Michel 17"/> L'artista riuscirà a vincerlo solo al suo quarto tentativo, dopo tre fallimenti consecutivi, nel [[1774]] con il dipinto ''[[Erasistrato alla scoperta della causa della malattia di Antioco]]''.<ref name ="Sahut Michel 19" >{{harvsp|Michel|1988|p=19|id=Michel1988}}</ref> Jacques-Louis David proverà disgusto per l'accademia, che giudicherà come un'istituzione disonesta e vecchia.<ref name ="Sahut Michel 19" />
 
== Descrizione ==
"Questo è uno di quegli scontri mitologici ai motivi oscuri, dove gli dei si comportano come straccivendoli. Drappeggi agitati, volti sogghignati, colori statici: è un'imitazione di [[François Boucher|Boucher]], rivisitata da [[Gabriel-François Doyen|Doyen]].<ref name ="Sahut Michel 17" >{{harvsp|Michel|1988|p=17|id=Michel1988}}</ref>" Questo giudizio contemporaneo al dipinto concorda con l'opinione generale circa l'opera, giudicata troppo influenzata dallo stile [[rococò]], tuttavia innovativa per l'ampia gamma di colori.
 
== Bibliografia ==
* Régis Michel and Marie-Catherine Sahut, ''David, l'art et le politique'', Paris, Gallimard, coll. « [[Découvertes Gallimard]] » (n° 46), 1988 ({{ISBN|2-07-053068-X}})
 
== Note ==
 
== Collegamenti esterni ==
415

contributi