Apri il menu principale

Modifiche

→‎Biografia: Consecutio temporum: "prende" ... "si trasferì". Visto che seguono vari passati remoti, correggo in "prese" e così successive discrasie. Poi, è ammissibile il passaggio al presente storico: "...si avvicina al ...".
Si [[laurea|laureò]] il 21 giugno [[1928]] discutendo col Saitta la [[tesi]] ''[[Ulrich von Hutten|Ulrico di Hutten]] e le relazioni tra Rinascimento e [[Riforma protestante|Riforma]]'', che [[pubblicazione|pubblicò]] nel [[1930]] con qualche rimaneggiamento e con il titolo ''[[Ulrich von Hutten]] e i rapporti tra Rinascimento e Riforma''.<ref>Roberto Pertici, ''Mazzinianesimo, fascismo, comunismo: l'itinerario politico di Delio Cantimori (1919-1943)'', Milano, Jaca Book, 1997, p. 141.</ref> Rappresentava il deciso virare degli interessi del Cantimori allo studio del [[Rinascimento]], già annunciato nel [[1927]] con ''Il caso Boscoli e la vita del Rinascimento'', pubblicato nel «[[Giornale critico della filosofia italiana]]», e alle ricerche sul [[Movimenti ereticali|movimento ereticale]] sviluppatosi nel Rinascimento italiano, espressione della complessità conflittuale del rapporto che univa nel [[XVI secolo|Cinquecento]] la [[cultura]] alla [[società civile]]. Nello stesso segno vanno le sue ''Osservazioni sui concetti di cultura e di storia della cultura'' ([[1928]]), il ''[[Bernardino Ochino]], uomo del Rinascimento e [[riformatore]]'' ([[1929]]), e il saggio ''Sulla storia del [[concetto]] di Rinascimento'' ([[1932]]).
 
Nel [[1929]] vinse il concorso per la [[cattedra]] di storia e filosofia per i licei e divenne insegnante al [[liceo classico]] Dettòri di [[Cagliari]], dove ha, tra i suoi allievi, il futuro [[romanziere]] [[Giuseppe Dessì]]. Nel [[1931]] prendeprese la seconda laurea in [[Letteratura tedesca]] presso l'[[Università di Pisa]], e si trasferì al liceo classico "Ugo Foscolo" di [[Pavia]]. Ottenuta una [[borsa di studio]], si trasferì a [[Basilea]] per studiarvistudiare [[teologia]] all'[[Università di Basilea|Università]], dove conobbe tra gli altri il teologo [[protestantesimo|protestante]] [[Karl Barth]]. Tornò in Italia nel luglio del [[1932]] e, grazie a un'altra borsa di studio, nel [[1933]] partì per un soggiorno di un anno in Svizzera, in Austria, in Germania, in Polonia e in Inghilterra, raccogliendo molto materiale documentario per il suo progetto di uno studio sugli [[eretici]] italiani del Cinquecento.
Nel 1934 [[Giovanni Gentile]] gli offrì il posto di assistente all'[[Istituto Italiano di Studi Germanici]] di [[Roma]], come redattore della rivista dell'Istituto e direttore della [[biblioteca]]. Nel [[1936]] pubblicò per ''[[Sansoni]]'' una serie di scritti di [[Carl Schmitt]], aperti da un suo saggio, titolandoli "Principi politici del nazionalsocialismo".
Nel 1939 vincevinse il concorso alla cattedra di [[Storia Moderna]] alla [[Facoltà di Magistero]] dell'università di [[Messina]]; nel 1940 infine tornatornò alla Normale chiamato da Gentile.
 
Verso la fine degli anni trenta si avvicina al [[Partito Comunista d'Italia]], anche per l'influenza della moglie [[Emma Mezzomonti]], militante comunista. Nel [[1940]] collabora con il [[Dizionario di politica]] del PNF<ref>Alessia Pedio, ''La cultura del totalitarismo imperfetto. Il Dizionario di politica del Partito nazionale fascista'', Unicopli, Milano, 2000, pagina 254</ref>.
Interrotto l'insegnamento nel periodo della [[Repubblica di Salò]], riprende il suo posto alla Normale nel [[1944]], con la nomina di [[Luigi Russo]] a direttore della Scuola. Nel [[1948]] si iscrive al PCI, da cui esce nel [[1956]] in seguito ai [[Rivoluzione ungherese del 1956|fatti d'Ungheria]]. In questo periodo è [[consulente]] editoriale per [[Giulio Einaudi Editore|Einaudi]], scrive sul "[[Il Politecnico (rivista)|Politecnico]]" e su "[[Società (rivista)|Società]]". Tra il [[1951]] e il [[1952]] traduce con la moglie il primo libro del ''[[Il Capitale|Capitale]]'' di [[Karl Marx]]. Dopo l'uscita dal PCI i suoi interessi si allontanano dall'attualità e si orientano di nuovo allo studio del [[XVI secolo|Cinquecento]].
 
MorìMuore cadendo accidentalmente dalle scale della sua biblioteca il 13 settembre 1966.
 
== Biblioteca ed archivio personale ==
790

contributi