Apri il menu principale

Modifiche

rb, mia svista
==Biografia==
=== Origini familiari ===
FiglioIl figlio di [[Marco Porcio Catone]] il Censore e di Salonina, [[Marco Porcio Catone Saloniano]], ebbe due figli, il maggiore dei quali, [[Marco Porcio Catone (tibuno della plebe)|Marco]], sposò Livia, figlia di [[Marco Livio Druso (console)|Marco Livio Druso]], console nel [[112 a.C.]] Da questo matrimonio nacque, oltre quel Marco, che sarà l'Uticense, [[Porcia (sorella di Catone Uticense)|Porcia]]. Da un precedente matrimonio di Livia con Quinto Servilio Cepione erano nati [[Servilia Cepione|Servilia]] e Quinto Servilio Cepione. Quest'ultimo avrà una figlia anch'essa di nome Servilia. Pertanto Marco (il futuro Uticense) e Porcia, Servilia e Quinto Servilio Cepione, erano figli della stessa madre.
 
Dal matrimonio di [[Servilia Cepione|Servilia]] (sorellastra dell'Uticense e amante di [[Gaio Giulio Cesare]]) con il [[tribuno della plebe]] [[Marco Giunio Bruto (tribuno 83 a.C.)|Marco Giunio Bruto]], nascerà [[Marco Giunio Bruto]] il futuro [[cesaricida]], che sposerà la cugina [[Porcia Catonis|Porcia]]. L'altra Servilia, nipote dell'Uticense, andrà sposa a [[Lucio Licinio Lucullo]] e verrà da questi ripudiata per la sua scandalosa condotta. Una menzione a parte merita la moglie dell'Uticense, Marcia, ceduta dallo stesso al famoso oratore Ortensio, ricchissimo, e ripresa in casa dopo la morte di quest'ultimo.