Differenze tra le versioni di "The Final Cartridge III"

 
== Caratteristiche ==
Una delle caratteristiche peculiari è la sua interfaccia grafica: nonostante essa fosse piuttosto limitata rispetto ad altre interfacce del periodo, offriva comunque diverse funzionalità e ricordava molto quella dell'[[AmigaOS|AmigaOS 1.x]]. Il puntatore, spostabile tramite [[mouse]], [[joystick]] o con i [[tasti freccia]], è usato per gestire le applicazioni tramite [[finestra (informatica)|finestre]] grafiche. Oltre alle applicazioni di base (un editor di testo, una calcolatrice, un gestore dei dischi, un orologio e poche altre) l'ambiente permette anche di caricarne di nuove da disco o da nastro, anche se questa possibilità fu poco sfruttata dai produttori di software.
 
[[File:Tfc3 skaermbillede.jpg|thumb|right|L'interfaccia grafica della The Final Cartridge 3.]]
 
La cartuccia è dotata di un [[LED]] che ne indica lo stato, se attivo o non attivo: essa è infatti dotata della possibilità di essere disattivata senza necessariamente rimuoverla dall'alloggiamento, permettendo così di caricare quei programmi (generalmente giochi) che non sono compatibili con la modalità di caricamento veloce.
 
Una delle caratteristiche peculiari è la sua [[interfaccia grafica]]: nonostante essa fosse piuttosto limitata rispettoera adsimile altre interfaccenell'aspetto del periodo, offriva comunque diverse funzionalità e ricordava moltoa quella dell'[[AmigaOS|AmigaOS 1.x]], ed offriva diverse funzionalità. Il [[puntatore]], spostabile tramite [[mouse]], [[joystick]] o con i [[tasti freccia]], è usato per gestire le applicazioni tramite [[finestra (informatica)|finestre]] grafiche. Oltre alle applicazioni di base (un editor di testo, una calcolatrice, un gestore dei dischi, un orologio e poche altre) l'ambiente permette anche di caricarne di nuove da disco o da nastro, anche se questa possibilità fu poco sfruttata dai produttori di software.
 
== Funzioni ==
Utente anonimo