I Suaneti erano un antico popolo alpino.

I Breuni posizionati nell'angolo sud-occidentale della Retia (in giallo), secondo la carta storica del 1886 disegnata da Johann Gustav Droysen.

Il luogo dove essi abitavano è incerto; secondo alcuni è la Val Schams nella Svizzera meridionale[1], secondo altri è la Valle Soana in Piemonte, anche se questa è un'ipotesi basata solamente sulla similarità tra il torrente "Soana" e "Suaneti"[2].

I Suanetes vennero sottomessi a Roma nel contesto delle campagne di conquista di Augusto di Rezia e arco alpino, condotte dai suoi generali Druso maggiore e Tiberio (il futuro imperatore) contro i popoli alpini tra il 16 e il 15 a.C.

Il nome dei Suaneti è ricordato nel Trofeo delle Alpi ("Tropaeum Alpium"), monumento romano eretto nel 7-6 a.C. per celebrare la sottomissione delle popolazioni alpine e situato presso la città francese di La Turbie:

(LA)

«GENTES ALPINAE DEVICTAE [...] · VINDELICORUM GENTES QUATTUOR · COSUANETES · RUCINATES · LICATES · CATENATES · AMBISONTES · RUGUSCI · SUANETES [...].»

(IT)

«Popoli alpini sottomessi: [...] · Le quattro tribù dei Vindelici · Cosuaneti · Rucinati · Licati · Catenati · Ambisonti · Rugusci · Suaneti [...].»

(Trofeo delle Alpi, Iscrizione frontale)

NoteModifica

  1. ^ (EN) Giovanni Oberziner, "Le guerre di Augusto contro i popoli Alpini" su "Archive.org" (TXT), su archive.org. URL consultato il 28 settembre 2009.
  2. ^ "Graionceli, Naburni, Acitavoni e Suaneti" su "Terrataurina", su terrataurina.it. URL consultato il 28 settembre 2009.

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Voci correlateModifica