Apri il menu principale

Suore di Maria Immacolata

Le Suore di Maria Immacolata (in tedesco Marienschwestern von der Unbefleckten Empfängnis) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla S.M.I.[1]

Cenni storiciModifica

Le origini della congregazione risalgono all'Unione di Maria, un'opera per la protezione delle giovani che dalle campagne si trasferivano in città per lavorare come domestiche fondata l'8 dicembre 1854 a Breslavia dal sacerdote Johannes Schneider (1824-1876).[2]

Nel 1863 le socie dell'unione vestirono l'abito del terz'ordine regolare di San Francesco ed emisero la promessa di consacrare la propria vita al servizio delle lavoratrici; i primi voti furono pronunciati solo nel 1890.[3]

Il Kulturkampf impedì lungamente alle suore di diffondersi oltre Breslavia: le prime filiali furono aperte nel 1886 a Racibórz e nel 1888 a Berlino.[2]

La congregazione, aggregata all'Ordine di Sant'Agostino dal 1952, ricevette il pontificio decreto di lode il 25 ottobre 1897; le sue costituzioni, basate sulla regola di Sant'Agostino, furono approvate definitivamente dalla Santa Sede il 25 agosto 1943.[3]

Attività e diffusioneModifica

Lo scopo della congregazione è l'aiuto alle ragazze in pericolo morale: a tal fine, le suore si dedicano all'assistenza a studentesse e lavoratrici lontane dalla famiglia, dirigono asili e colonie estive per bambini, organizzano incontri e corsi professionali, lavorano in ospedali e ricoveri per anziani.[2]

Sono presenti in Germania, Italia, Lettonia, Polonia, Tanzania, Ucraina;[4] la sede generalizia è in via Trionfale a Roma.[1]

Alla fine del 2008 la congregazione contava 432 religiose in 51 case.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2010, p. 1589.
  2. ^ a b c W. Gramatowski, DIP, vol. V (1978), col. 956.
  3. ^ a b W. Gramatowski, DIP, vol. V (1978), col. 955.
  4. ^ Marienschwestern von der Unbefleckten Empfängnis, su orden-online.de. URL consultato il 28 dicembre 2012.

BibliografiaModifica

  • Annuario Pontificio per l'anno 2010, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo