Timurbugha

Timurbugha
Sultano
In carica 5 dicembre 1467 – 31 gennaio 1468
Incoronazione 5 dicembre 1467
Predecessore Sayf ad-Din Bilbay
Successore Qaytbay
Morte Damietta, 1475

Timurbugha Al-Dhahiri (... – Damietta, 1475) fu il diciassettesimo sultano mamelucco d'Egitto della dinastia burjī. Regnò per breve tempo dalla fine del 1467 all'inizio del 1468 quando fu deposto[1]. Usò il titolo di al-Malik al-Zāhir.

BiografiaModifica

Timurbugha era di origine albanese[1]. Fu acquistato come schiavo da Sayf ad-Din Jaqmaq. Quando quest'ultimo divenne sultano, Timurbugha era al suo fianco[1]. Nel 1442 divenne comandante e successivamente segretario del sultano. Ricoprì diverse posizioni fino alla morte del sultano[1]. Sayf ad-Din Bilbay governò per breve tempo alla fine del 1467, prima che Timurbugha diventasse il nuovo sultano il 5 dicembre 1467. Timurbugha era ben istruito ed eccelleva in diritto, storia, letteratura e poesia[1]. Durante il suo regno, furono rilasciati prigionieri politici da Alessandria, incluso Al-Mu'ayyad Shihab al-Din Ahmad[1].

Tuttavia, il suo regno durò meno di due mesi, poiché fu detronizzato con un colpo di stato di palazzo il 31 gennaio 1468 guidato da Khairbek. Qaitbay, il futuro sultano, riuscì a sconfiggere i ribelli guidati e a liberare Timurbugha che in seguito si ritirò a Damietta fino alla sua morte nel 1475[1].

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Natho 2009, pp. 219-220.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

  Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia