Toribio di Astorga

San Toribio di Astorga
Catedral de Astorga, Santo Toribio.jpg
Statua del santo vescovo nella Cattedrale di Astorga
 

Vescovo

 
Nascitacirca 402
Morte476
Venerato daChiesa cattolica
Santuario principaleMonastero di Santo Toribio de Liébana
Ricorrenza16 aprile

Toribio di Astorga, noto anche come Turibio (Torino, 402 circa – Astorga, 476), è stato un vescovo e santo spagnolo.

AgiografiaModifica

Nato a Torino da nobile famiglia,[1] Toribio intraprese un viaggio in Terrasanta, ma al ritorno la nave su cui era imbarcato fu costretta ad approdare in Spagna. Qui Toribio si fermò, iniziò una vita eremitica finché venne eletto vescovo di Astorga. Papa Leone Magno gli chiese di intraprendere la lotta contro le eresie propalate da Priscilliano, dagli ariani, dai manichei e dai pelagiani, che stavano invadendo a quel tempo la Spagna.

A tal scopo convocò due concili, uno a Toledo e l'altro a Lugo.

La sua attività ebbe successo, grazie anche ai numerosi miracoli da lui compiuti, a lui si deve la conversione degli Suebi e la riforma della Chiesa locale.

Dopo l'occupazione di Astorga da parte del re visigoto Teodorico II, nel 456 Toribio fu fatto prigioniero e trascinato nella Gallia. Dopo la sua liberazione egli si dedicò alla ricostruzione di Astorga.

La sua salma fu traslata, nell'VIII secolo, nel Monastero di Santo Toribio de Liébana.

ReliquieModifica

Dal viaggio in Terra Santa, Toribio avrebbe portato con sé una parte della croce con la quale fu crocifisso Cristo, che è conservata e venerata nel Monastero di Santo Toribio de Liébana, fondato da un suo omonimo. Inoltre avrebbe anche portato con sé una statua della Madonna, che più avanti venne nascosta all'invasione dei Mori e fu data poi per scomparsa fino al 1200, quando un templare, che stava collaborando alla costruzione della rocca di Ponferrada, la ritrovò sotto un leccio. Da allora la statua è conservata in questa città.

Controversie e incertezzeModifica

Le informazioni sulla vita di Toribio sono piuttosto incerte. Storici spagnoli moderni contestano che egli sia nato a Torino.[1] Una delle ipotesi sul suo luogo di nascita è che egli sia nativo di Betanzos, in Galizia.

Nel medioevo la sua figura fu spesso confusa con quella del suo omonimo (forse parente), Toribio di Liébana, detto anche "Toribio il monaco", fondatore del Monastero di Santo Toribio de Liébana, che divenne nel VI secolo vescovo di Palencia.

CultoModifica

Molte chiese – soprattutto nel Nord della Spagna e nell'ex regno coloniale di Spagna – sono dedicate a san Toribio. La sua memoria liturgica cade il 16 aprile.

NoteModifica

  1. ^ a b San Toribio di Astorga, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

BibliografiaModifica

  • (EN) Basil Watkins: The Book of Saints. A Comprehensive Biographical Dictionary. Bloomsbury Publishing, 2015, ISBN 978-0-567-66415-0.
  • (DE) Lidia Becker: Hispano-romanisches Namenbuch. Untersuchung der Personennamen vorrömischer, griechischer und lateinisch-romanischer Etymologie auf der Iberischen Halbinsel im Mittelalter (6.-12. Jahrhundert) Walter de Gruyter, 2009, ISBN 978-3-484-97126-4, S. 1026.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN68848468 · LCCN (ENnr99005058 · GND (DE189568542 · WorldCat Identities (ENlccn-nr99005058