Apri il menu principale

Il Totem (o nome di caccia) è un nome, di solito di un animale (ma a volte anche di piante, alberi o agenti atmosferici), seguito da un aggettivo, che viene dato a uno scout per sottolineare una sua caratteristica. Normalmente il nome dell'animale richiama una caratteristica fisica della persona, mentre l'aggettivo una caratteristica della personalità.

OriginiModifica

Nel suo libro autobiografico "Lessons from the Varsity of Life" del 1933, il fondatore dello scautismo, Robert Baden-Powell racconta che, quando combatteva in Rhodesia (l'attuale Zimbabwe) i suoi nemici, i Matabele, lo chiamarono impeesa, termine da lui tradotto come "l'animale che si sposta furtivamente di notte" ("the beast that creeps about by night")[1]. Di qui, tale animale che viene tradizionalmente identificato nel lupo. B. -P. Non ha mai utilizzato tale nome nell'ambito dello scautismo, così come non ha mai utilizzato gli altri soprannomi che gli furono dati sia in Africa (Katankye, l'uomo dal grande cappello; Mhlalapanzi, l'uomo che si sdraia per sparare) sia dagli Indiani d'America (Pino solitario all'orizzonte). non attribuiva molta importanza alla totemizzazione, né usò mai il termine Totem con questo significato; tuttavia, lasciò che tale tradizione prendesse piede nello scautismo. Fu negli anni '20 che un giovane Commissario inglese, John Hargrave (White fox), lanciò questo gioco. Però lo portò tanto all'eccesso che B.-P. fu costretto a sconfessarlo e poi metterlo alla porta. Ma ormai l'idea era lanciata e fu seguita presto da un capo francese, Paul Coze (Panthère à l'affùt) che aveva vissuto a lungo presso gli Indiani d'America.

Le attuali tradizioni italiane sul Totem si rifanno anche alle pagine di "Scautismo per Ragazzi" (quinta chiacchierata), in cui Baden-Powell racconta la cerimonia iniziatica in uso presso gli Zulu. L'usanza voleva che il ragazzo, giunta l'ora in cui sarebbe diventato un guerriero (e quindi ammesso nella comunità degli adulti), fosse dipinto di bianco e allontanato dal villaggio. La pittura sarebbe svanita dopo un certo tempo, durante il quale il ragazzo avrebbe dovuto provvedere a sé stesso, ma senza farsi vedere da alcuno. Il ragazzo sarebbe stato chiamato ad affrontare numerose prove, disponendo solo del suo coraggio e della sua omertà. Si sarebbe preso cura di sé per tutto il tempo necessario, e una volta tornato in tribù, gli sarebbe stato attribuito un nome di guerriero. Tale nome doveva rispecchiare il carattere tenace e l'audacia del ragazzo, e veniva discusso dal consiglio dei più anziani. In tal modo, il ragazzo avrebbe potuto apprezzare il nome e ne sarebbe rimasto fiero. Per ringraziamento, avrebbe preso spunto da tale nome per realizzare una statuetta del totem che lo raffigurasse, e che identificasse il suo spirito guerriero. Il ragazzo, ora adulto, entrava a far parte della comunità degli anziani, e avrebbe personalmente accompagnato i nuovi ragazzi nelle loro prove, per fornire anche loro di un valido nome da guerriero. Il nome veniva riconosciuto come entità sacra, come del resto il Totem che veniva consegnato alla cerimonia dal ragazzo che si apprestava a diventare adulto. Il totem veniva ritirato solo nel caso in cui un giorno il ragazzo avrebbe desiderato modificare il suo nome da guerriero. Solo in quest'ultimo caso, gli adulti avrebbero fatto ripetere la prova al ragazzo che avrebbe consegnato nuovamente il proprio totem, ricevendo una modifica al suo nome originario.

Obiettivi educativiModifica

La tradizione della totemizzazione non costituisce parte integrante del metodo scout di nessuna associazione. La validità del Totem e della totemizzazione va dunque valutata nel contesto educativo entro cui si colloca. Si presume, ad esempio, che una tale tradizione possa essere in linea col metodo scout a condizione che al "nome di caccia" ed alla relativa cerimonia venga attribuito un significato educativo e che il tutto si svolga secondo le caratteristiche tipiche dello stile scout, come la gioiosità e la fraternità. A tale proposito, si può ricordare come Baden-Powell avesse scritto che non si devono dare soprannomi come "scimmia" o "pappagallo".

Attuale utilizzoModifica

La totemizzazione, pur facendo parte delle tradizioni Scout più antiche non è regolamentata dalle varie associazioni, pertanto non vi è una regola sui nomi di caccia, tuttavia la tradizione prevede che il nome sia formato da un animale (l'"animale totem" appunto) che riconduca all'aspetto fisico ed eventualmente comportamentale dello Scout, e da un aggettivo che riguardi il tratto distintivo del carattere. Il nome deve rimandare a qualità positive dello Scout, che porterà così il nome di caccia con orgoglio. Purtroppo un'interpretazione ludica e "goliardica" dei totem, in alcuni gruppi ha banalizzato la cerimonia e dato nomi che insultano, ridicolizzano, o mortificano la persona. La tradizione prevede che la cerimonia debba essere segreta, riservata soltanto a chi è già stato totemizzato e ai totemizzandi, ma non tutti i gruppi rispettano questa usanza.

Nelle varie associazioniModifica

In Agesci il Totem viene dato solitamente a coloro che stanno per entrare o sono entrati nell'Alta Squadriglia dai membri più anziani del reparto, in una cerimonia chiamata totemizzazione. Durante questa cerimonia lo scout per ricevere il suo "Totem" dovrà superare delle prove che testimonieranno il suo valore. Alcuni reparti invece conferiscono il nome Totem dopo alcuni eventi come l'Hike, Missioni, Imprese o sul finire del primo campo estivo. È interessanti notare come in alcuni gruppi della stessa associazione la Totemizzazione sia un evento aperto a tutto il reparto, mentre in altri sia una cerimonia segreta di cui non si conoscono né le prove né il rito.

Nel C.N.G.E.I. il Totem viene dato (a discrezione della sezione) tra l'ultimo anno di esploratori e il primo anno di servizio nei senior, in una cerimonia segreta detta totemizzazione.

Negli Scout d'Europa il nome di caccia viene dato all'esploratore e alla guida che hanno raggiunto l'obiettivo della seconda classe, tappa che viene dopo la promessa o comunque è al secondo campo estivo. La cerimonia della Totemizzazione varia molto a seconda delle tradizioni del reparto ma di solito consiste in un salto attraverso il fuoco effettuato dall'esploratore / guida, che viene totemizzato, di solito viene dato solo nei campi estivi.

In Baden Powell Scout Italia (BPSI) il totem non è per tutti, esso viene concesso solo a quegli scout in cui il Gruppo ripone particolare fiducia nella prosecuzione del percorso scout, generalmente a quegli scout destinati a diventare futuri Capi. La cerimonia si divide in due diverse fasi/notti la prima sobria con prove scout (classica l'accensione del fuoco con tre fiammiferi), una seconda allegra che richiama i pellerossa. Il nome ed aggettivo totem è conosciuto da tutti ma il suo uso è riservato ad avvenimenti interni alla Tribù, il nome e l'aggettivo che compongono il Totem vengono decisi dalla Tribù riunita.

NoteModifica

  1. ^ Robert Baden-Powell, Lessons from the Varsity of Life, 1933. Capitolo IV: Spying and Scouting, sezione: Jan Grootboom

BibliografiaModifica

  • Commissariato Nazionale:Esploratori FSE, Norme Direttive e Cerimoniale della Branca Esploratori, Padova, Scouting Soc. Coop, 2006.