Trento (vino)

Disciplinare DOC

Stato Italia Italia
Regione   Trentino-Alto Adige

Trento
Decreto del 09 luglio 1993
Gazzetta Ufficiale n. 169 del 21 luglio 1993
Regolamenta le seguenti tipologie:
Bianco
Rosato
Fonte: Disciplinare di produzione [1]

Trento è una DOC riservata ad alcuni vini la cui produzione è consentita nella provincia autonoma di Trento

Zona di produzioneModifica

La zona di produzione comprende le particelle fondiarie, di sicura vocazione viticola dei comuni di: Ala, Albiano, Aldeno, Arco, Avio, Besenello, Bleggio inferiore, Bleggio superiore, Borgo Valsugana, Brentonico, Calavino, Caldonazzo, Calliano, Carzano, Castelnuovo, Cavedine, Cembra, Cimone, Civezzano, Dorsino, Drena, Dro, Faedo, Faver, Garniga, Giovo, Grumes, Isera, Ivano Fracena, Lasino, Lavis, Levico, Lisignago, Mezzocorona, Mezzolombardo, Mori, Nago-Torbole, Nave San Rocco, Nogaredo, Nomi, Novaledo, Ospedaletto, Padergnone, Pergine Valsugana, Pomarolo, Riva del Garda, Roncegno, Roverè della Luna, Rovereto, San Michele all’Adige, Scurelle, Segonzano, Spera, Spormaggiore, Stenico, Storo, Strigno, Telve, Telve di sopra, Tenna, Tenno, Terlago, Terragnolo, Ton, Trambileno, Trento, Valda, Vallarsa, Vezzano, Vigolo Vattaro, Villa Agnedo, Villa Lagarina, Volano e Zambana.

StoriaModifica

I vinaccioli rinvenuti nell'insediamento palafitticolo di Ledro certificano che la coltivazione della vite in Trentino risale all'età del Bronzo antico (1800-1600 a.C.). Tra i numerosissimi ritrovamenti più recenti risalta la situla reto-etrusca del IV secolo a.C. scoperta a Cembra, cu cui è incisa un'iscrizione etrusca che esalta il consumo simposiale del vino. Nel III secolo a.C. era già fiorente il commercio enologico, come risulta dalla stele funeraria rivenuta a Passau e dedicata al commerciante di vini trentino P. Tenatius Essimnus. Intorno al 1.100 si iniziò a regolamentare la produzione: negli statuti di Trento vennero inserite norme protezioniste per ostacolare l'importazione.

Lo storico Michelangelo Mariani nel 1670 evidenziò l'importanza economica delle produzioni vinicole locali[2]:

«... tutto o quasi il territorio del Trentino (toltone alcune montagne e le valli che non hanno vigne) produce vini stimabili, sì li bianchi come li rossi, con effetto però costante, vino che venendo quasi tutto in pendici, fa credere veramente che: “Baccus amat Colles” e maturando per lo più a riverbero di suolo non men che di Sole, ha qualità di non offendere, chi non l'abusa a forza di quantità [...] insomma, per quanto veggo, questo è il paese del vino naturalmente, tanto che corre il detto: "grano per tre mesi e vino per tre anni"»

La modernizzazione della viticoltura trentina iniziò nel 1874, con la costituzione dell’Istituto Agrario di S. Michele all'Adige.

Tecniche di produzioneModifica

La denominazione è riservata al vino spumante ottenuto con il metodo della rifermentazione in bottiglia, mantenuto almeno quindici mesi sui lieviti; è consentito indicare l'annata di produzione delle uve se la rifermentazione dura almeno ventiquattro mesi; per accedere alla menzione Riserva ne devono trascorrere almeno trentasei e l'annata di produzione è obbligatoria.

Il riferimento al vitigno è consentito solo su etichette complementari e con caratteri di dimensioni ridotte al 50%. Su tali etichette è obbligatorio riportare l'anno di sboccatura per i vini che non riportano l'annata di produzione.

DisciplinareModifica

La DOC Trento è stata istituita con D.M. 09.07.1993 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 169 del 21.07.1993
Successivamente è stato modificato con

  • D.M. 25.09.2001, G.U. 236 - 10.10.2001
  • D.M. 30.10.2002, G.U. 261 - 07.11.2002
  • D.M. 30.11.2011, G.U. 295 - 20.12.2011
  • D.M. 07.03.2014, Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
  • La versione in vigore è stata approvata con Provvedimento Ministeriale 19/10/2015[1]

TipologieModifica

BiancoModifica

È prevista la menzione Riserva

DOC Riserva
uvaggio Chardonnay, Pinot bianco, Pinot nero, Pinot Meunier anche congiuntamente idem
titolo alcolometrico minimo 11,50% vol. 12,0% vol.
acidità totale minima 5,0 g/l. 5,0 g/l.
estratto secco minimo 16,0 g/l 17,0 g/l
resa massima di uva per ettaro 150 q. 150
resa massima di uva in vino 70% 70

RosatoModifica

È consentita l'indicazione alternativa Rosé

È prevista la menzione Riserva

DOC Riserva
uvaggio Chardonnay, Pinot bianco, Pinot nero, Pinot Meunier anche congiuntamente idem
titolo alcolometrico minimo 11,50% vol. 12,0% vol.
acidità totale minima 5,0 g/l. 5,0 g/l.
estratto secco minimo 17,0 g/l 17,0 g/l
resa massima di uva per ettaro 150 q. 150
resa massima di uva in vino 70% 70

NoteModifica

  1. ^ a b Disciplinare di produzione dei vini a denominazione di origine controllata “Trento”, su catalogoviti.politicheagricole.it. URL consultato il 27 maggio 2022.
  2. ^ Cronache del Concilio di Trento, Michelangelo Mariani, Trento con il Sacro Concilio et altri notabili.