Ultra low frequency

ULF è la sigla dell'inglese Ultra low frequency ("frequenza ultra bassa") e indica, nella designazione ITU, la parte dello spettro delle onde radio compresa tra 300 e 3000 Hz. Potendo attraversare la terra, queste frequenze vengono utilizzate per le comunicazioni in miniera[1].

TerremotiModifica

Alcune stazioni di controllo hanno segnalato che i terremoto terremoti a volte sono preceduti da impulsi ULF[2][3] e ELF.[4] Un esempio notevole di questo si è presentato prima del terremoto di Loma Prieta in California nel 1989.

Altri usiModifica

Comunicazioni ULF sono state utilizzate per trasmissioni militari segrete. Pubblicazioni NATO AGARD degli anni sessanta descrivono questi metodi nei particolari. Queste comunicazioni, denominate "Earth Mode", utilizzano elettrodi piantati a terra e sono in grado di percorrere alcuni chilometri. Questo metodo è stato ipotizzato da Nikola Tesla già nel 1899[5].

NoteModifica

  1. ^ HF and Lower Frequency Radiation - Introduction Archiviato il 9 novembre 2005 in Internet Archive.
  2. ^ (EN) JOURNAL OF GEOPHYSICAL RESEARCH, VOL. 109, B09204, doi:10.1029/2004JB003092, 2004, su https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/. URL consultato l'8 luglio 2020.
  3. ^ (EN) K. Ohta, J. Izutsu e A. Schekotov, The ULF/ELF electromagnetic radiation before the 11 March 2011 Japanese earthquake, in Radio Science, vol. 48, n. 5, 2013, pp. 589–596, DOI:10.1002/rds.20064. URL consultato l'8 luglio 2020.
  4. ^ LTPA Observer Project, su ltpaobserverproject.com.
  5. ^ Wheeler, H. A. Radio Wave Propagation in the Earth's Crust. J. Res., NBS, v. 65D, No. 2, 1961, pp. 189-191
  Portale Elettromagnetismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di elettromagnetismo