Una tantum

locuzione latina

Una tantum è una locuzione parzialmente latina, alla lettera significante «una volta soltanto»[1], che indica un evento che avviene una volta sola senza ripetizioni.

Può riferirsi a fattispecie eterogenee quali imposizioni fiscali, eventi sportivi, artistici, etc., tutti aventi la caratteristica di essersi verificati una volta soltanto.

EsempiModifica

  • Le tasse e imposte deliberate in una singola legge finanziaria, in seguito a oneri eccezionali per il bilancio dello Stato oppure per ridurre l'ammontare del deficit ordinario (fu celebre in Italia quella del 1974, che colpì tutti gli automobilisti).
  • Gli importi di iscrizione o adesione ad associazioni.
  • La caparra dei contratti di locazione.
  • Le somme erogate dal datore di lavoro, per motivi scollegati alla prestazione lavorativa che in Italia avevano un particolar regime che le esonerava dalla contribuzione previdenziale.

La una tantum è utilizzata anche con i piani tariffari di diversi operatori telefonici.

NoteModifica

  1. ^ Una tantum, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.  

Collegamenti esterniModifica


  Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina