Vaccinazione ad anello

strategia di vaccinazione

La vaccinazione ad anello è una strategia per inibire la diffusione di una malattia vaccinando solo coloro che hanno maggiori probabilità di essere infettati.[1]

Uso medicoModifica

Quando qualcuno si ammala, le persone che potrebbero essere infettate vengono vaccinate . A seconda di quanto facilmente si diffonda la malattia, i contatti che potrebbero essere stati infettati potrebbero includere familiari, vicini e amici. È possibile vaccinare diversi strati di contatti (i contatti, i contatti dei contatti, i contatti dei contatti del contatto, ecc. ).[2]

La vaccinazione ad anello richiede che si risalga ai contatti dell'infettato, per capire chi è probabile che una persona può infettare o abbia infettato. Questo può essere difficile e in alcuni casi, è preferibile vaccinare chiunque all'interno dell'area in cui le persone si sono ammalate (vaccinazione mirata geograficamente). Se esiste uno stretto confine della comunità geografica, potrebbe essere preferibile vaccinare l'intera comunità in cui è comparsa la malattia, piuttosto che tracciare esplicitamente i contatti.[3]

Molti vaccini impiegano diverse settimane per indurre l'immunità e quindi non forniscono protezione immediata.[4] Tuttavia, anche se alcuni dei contatti della persona malata sono già infetti, la vaccinazione ad anello può impedire la trasmissione del virus ai contatti dei contatti malati. Alcuni vaccini possono proteggere anche se vengono somministrati subito dopo l'infezione; la vaccinazione ad anello è in qualche modo più efficace per i vaccini che forniscono questa profilassi post-esposizione.[3]

VantaggiModifica

Nel rispondere a un possibile focolaio, i responsabili sanitari dovrebbero considerare quale sia la strategia di vaccinazione migliore tra la vaccinazione ad anello o la vaccinazione di massa. In alcuni focolai, potrebbe essere meglio vaccinare solo quelli direttamente esposti; fattori variabili (come i dati demografici e il vaccino disponibili) possono rendere più sicuro un metodo o l'altro, con meno persone che manifestano effetti collaterali quando lo stesso numero è protetto dalla malattia.[5]

StoriaModifica

La vaccinazione ad anello è stata utilizzata per l'eradicazione del vaiolo.[6][7]

Fu anche usato sperimentalmente nell'epidemia del virus Ebola nell'Africa occidentale .[8][9]

Nel 2018, le autorità sanitarie hanno utilizzato una strategia di vaccinazione ad anello per cercare di sopprimere l'epidemia di Ebola della provincia dell'Equateur del 2018. Ciò ha comportato la vaccinazione solo di coloro che hanno maggiori probabilità di essere infettati; contatti diretti di individui infetti e contatti di tali contatti. Il vaccino usato era rVSV-ZEBOV.[10]

La vaccinazione ad anello è stata ampiamente utilizzata nell'epidemia Ebola a Kivu del 2018, con oltre 90.000 persone vaccinate. Nell'aprile 2019, l'OMS ha pubblicato i risultati preliminari della ricerca con la sua ricerca, in associazione con l'Institut National pour la Recherche Biomedicale della RDC, sull'efficacia del programma di vaccinazione ad anello, affermando che il vaccino rVSV-ZEBOV-GP era stato 97,5 % efficace nell'arrestare la trasmissione di Ebola, rispetto a nessuna vaccinazione.[11][12]

NoteModifica

  1. ^ Adam J. Kucharski, Rosalind M. Eggo e Conall H. Watson, Effectiveness of Ring Vaccination as Control Strategy for Ebola Virus Disease, in Emerging Infectious Diseases, vol. 22, n. 1, 2016, pp. 105–108, DOI:10.3201/eid2201.151410, PMID 26691346.
  2. ^ (EN) Ring Vaccination: Smallpox, su www.cdc.gov, US Centers for Disease Control, 15 February 2019. URL consultato il 19 May 2019.
  3. ^ a b JA Walldorf, EA Cloessner e TB Hyde, Considerations for use of Ebola vaccine during an emergency response., in Vaccine, vol. 37, n. 48, 7 September 2017, pp. 7190–7200, DOI:10.1016/j.vaccine.2017.08.058, PMID 28890191.
  4. ^ (EN) Understanding How Vaccines Work, su www.cdc.gov, US Centers for Disease Control, 13 March 2019. URL consultato il 19 May 2019.
  5. ^ Mirjam Kretzschmar, Jacco Wallinga e Peter Teunis, Frequency of Adverse Events after Vaccination with Different Vaccinia Strains, in PLoS Medicine, vol. 3, n. 8, 1º agosto 2006, pp. e272, DOI:10.1371/journal.pmed.0030272, ISSN 1549-1277 (WC · ACNP), PMID 16933957.
  6. ^ M. A. Strassburg, The global eradication of smallpox, in American Journal of Infection Control, vol. 10, n. 2, 1982, pp. 53–9, DOI:10.1016/0196-6553(82)90003-7, PMID 7044193.
  7. ^ World on the verge of an effective Ebola vaccine, World Health Organization. URL consultato il 31 July 2015.
  8. ^ James Gallagher, Ebola vaccine is 'potential game-changer', su BBC News Health, BBC, 31 July 2015. URL consultato il 30 July 2015.
  9. ^ Ana Maria Henao-Restrepo, Efficacy and effectiveness of an rVSV-vectored vaccine expressing Ebola surface glycoprotein: interim results from the Guinea ring vaccination cluster-randomised trial, in The Lancet, vol. 386, n. 9996, 31 July 2015, pp. 857–866, DOI:10.1016/S0140-6736(15)61117-5, PMID 26248676.
  10. ^ (EN) Nurith Aizenman, Can The New Ebola Vaccine Stop The Latest Outbreak?, in NPR.org, May 15, 2018. URL consultato il 16 maggio 2018.
  11. ^ (EN) Beth Mole, As Ebola outbreak rages, vaccine is 97.5% effective, protecting over 90K people, su Ars Technica, 16 aprile 2019. URL consultato il 17 aprile 2019.
  12. ^ Ebola Ring Vaccination Results 12 April 2019 (PDF), su www.who.int, 12 April 2019. URL consultato il 17 April 2019.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina