Vasodilatatore

sostanza che provoca dilatazione del lume vasale, con conseguente aumento del flusso sanguigno per decontrazione della muscolatura liscia.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Un vasodilatatore è un tipo di farmaco, una sostanza che provoca dilatazione del lume vasale, con conseguente aumento del flusso sanguigno per decontrazione della muscolatura liscia.

Meccanismo d'azioneModifica

Secondo il loro meccanismo d'azione, i vasodilatatori vengono raggruppati in spasmolitici, ipotensivi e colinergici. I farmaci vasodilatatori importanti in terapia sono gli ipotensivi che, pur attraverso molteplici meccanismi d'azione, provocano una vasodilatazione nel distretto viscerale con conseguente caduta della pressione. La vasodilatazione è evidente soprattutto a livello delle arteriole e si determina per stimolazioni fisiche o farmacologiche che eccitano il sistema vegetativo parasimpatico, o per azione di farmaci vasodilatatori. Un esempio di sostanza vasodilatatrice è l'alcol etilico, e un altro esempio di farmaco vasodilatatore è il minoxidil.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 2894 · NDL (ENJA00576482
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina