Viale (archeologia)

Gli archeologi britannici affinano l'uso generale del termine archeologico viale (in inglese avenue) per denotare una lunga, striscia di terra parallela ai lati che misura intorno ai 30 m di larghezza, aperta alle estremità e con margini segnati da allineamenti di pietre o legno e/o un basso cumulo e fossato. Il termine viene usato per definire tali caratteristiche in tutte le Isole britanniche, ma essi sono concentrati al centro e al sud dell'Inghilterra.

Avenue di Avebury.

La maggior parte sono brevi e stretti (I tipo, lungo meno di 800 m), o lunghi e curvi (II tipo, oltre 2,5 km). È stato considerato che essi spesso collegano cerchi di pietre con fiumi e sono un elemento comune nei paesaggi rituali dell'età del bronzo.

I viali sono identificati attraverso i loro earthwork o usando l'archeologia aerea in modo che le caratteristiche del loro lato parallelo possano essere viste più adeguatamente nella loro estensione. Nella maggior parte degli esempi, è l'associazione del viale con altri monumenti contemporanei che fornisce una diagnosi. I viali (avenues) differiscono dai monumenti del cursus, poiché questi ultimi possiedono anche earthwork ai loro estremi e non hanno pietre dritte o allineamenti in legno.

Si è congetturato che i viali fossero una volta percorsi cerimoniali o processionali, attinenti all'inizio dell'età del bronzo. Sembrano inoltre essere stati utilizzati per indicare un itinerario prestabilito verso un particolare monumento.

Esempi comprendono il viale a Stonehenge, il Beckhampton Avenue a Avebury, il viale di West Kennet e quello a Thornborough.

Collegamenti esterniModifica