Vijayadashami

festa hindu

Vijayadashami conosciuta anche come Dasara, Dusshera o Dussehra è un importante festa Induista che si celebra ogni anno alla fine del Navratri. È osservata nel decimo giorno del mese di Ashvin (settimo mese) del calendario induista, corrispondente ai mesi di settembre e ottobre.[1][2][3]. Il festival inizia anche i preparativi per Diwali, l'importante festa delle luci, che si celebra venti giorni dopo Vijayadashami.

Celebrazioni in Karnataka
Durga nel fiume Vijayadashami nell'India orientale
Dasara osservato bruciando le effigi di Rāvaṇa

La festa di Vijayadasami viene celebrata in diverse parti dell'India[4][5][6][7] Negli stati dell'India orientale e nord-orientale, Vijayadashami segna la fine del Durga Puja, e ricorda la vittoria della dea Durgā sul demone con sembianze di bufalo Mahishasura che ha aiutato a ripristinare il dharma[7][8] Negli stati settentrionali, meridionali e occidentali, la festa è chiamata Dussehra (anche pronunciata Dasara, Dashahara) e segnala la fine del "Ramlila" e ricorda la vittoria del Dio Rāma sul demone Rāvaṇa, o in alternativa segna una venerazione per uno degli aspetti della dea Devi come Durga o Saraswati.[5][2][9].

NoteModifica

  1. ^ Encyclopedia Britannica 2015
  2. ^ a b Lochtefeld, pp. 212-213, 468-469.
  3. ^ Encyclopedia Britannica, Dussehra, 2015
  4. ^ Happy Dashain 2074, su lumbinimedia.com, Lumbini Media, 18 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017.
  5. ^ a b Christopher John Fuller, The Camphor Flame: Popular Hinduism and Society in India, Princeton University Press, 2004, pp. 108–109, ISBN 978-0-691-12048-5.
  6. ^ Lochtefeld, p. 751.
  7. ^ a b Encyclopedia Britannica, 2015
  8. ^ Lochtefeld, pp. 468-469.
  9. ^ Encyclopedia Britannica Dussehra, 2015

BibliografiaModifica

  • (EN) James G. Lochtefeld, The Illustrated Encyclopedia of Hinduism: N-Z, The Rosen Publishing Group, 2002, ISBN 0-8239-2287-1.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica