Vincenzo Tozzi

compositore italiano

Vincenzo Tozzi (Roma, 1612 circa – Messina, prima del 1679) è stato un compositore italiano.

La prima notizia sul suo conto che ci giunge risale al 1640, quando terminò di prestare servizio per il Cardinale Vincenzo Costaguti a Roma per diventare maestro di coro a Messina. Ivi tenne questa posizione sicuramente dal 1649 al 1664 e nella stessa città fu membro di due accademie letterarie, Abbarbicati e l'Accademia della Fucina, le quali gli fornirono i testi per due suoi lavori: Le gare di Natura e di Fortuna e i due intermezzi I pasticcieri. Al giorno d'oggi sopravvivono solo i suoi lavori sacri, mentre quelli secolari sono andati completamente perduti. Suo figlio Francesco fu anch'egli compositore.

Lavori sacriModifica

  • Il primo libro de concerti ecclesiastici per 2-5 voci (1662, Roma)
  • 4 mottetti

Lavori profaniModifica

  • I pasticcieri (intermezzi, 1650, Messima)
  • Il ratto d'Elena (1657, Messina)
  • Annibale di Capua (libretto di Nicolò Beregan, 1664, Malta)
  • Le gare di Natura e di Fortuna (libretto di P. Sapone)
  • 3 dialoghi pastorali (testo di C. Musarra)
Controllo di autoritàVIAF (EN12503006 · ISNI (EN0000 0000 3746 0140 · LCCN (ENno92003686 · BNF (FRcb14010140f (data) · WorldCat Identities (ENno92-003686
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie