Apri il menu principale
La scritta "Viva Verdi"

La scritta Viva Verdi oppure W Verdi che comparve sui muri di Milano e Venezia in epoca risorgimentale aveva un duplice significato: se da un lato inneggiava il famoso compositore Giuseppe Verdi e quindi appariva politicamente innocua, dall'altro W V.E.R.D.I. poteva essere letto come un acronimo che stava a significare W Vittorio Emanuele Re D'Italia, e quindi acquistare un preciso significato politico anti-austriaco.

Nell'opera Un ballo in maschera che si rappresentò al Teatro Apollo di Roma il 17 febbraio del 1859, gli spettatori presenti lessero nelle lettere che componevano il cognome del celebre musicista le iniziali delle parole "Vittorio Emanuele Re D'Italia", riempendo così di significati patriottici nei confronti dell'Italia il nome del compositore.[1]

NoteModifica

  1. ^ Luigi Orsini, Giuseppe Verdi, p. 107

Voci correlateModifica

  Portale Risorgimento: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Risorgimento