'Tis a Pity She Was a Whore

'Tis a Pity She Was a Whore
ArtistaDavid Bowie
Tipo albumSingolo
Pubblicazione10 novembre 2014
Durata5:26 (Single version)
Album di provenienzaBlackstar
GenereArt rock
Fusion
EtichettaColumbia/Legacy
ProduttoreDavid Bowie,
Tony Visconti
Registrazione2014
David Bowie - cronologia
Singolo precedente
(2013)
'Tis a Pity She Was a Whore
ArtistaDavid Bowie
Autore/iDavid Bowie
GenereArt rock
Fusion
Edito daISO, RCA Regno Unito
Columbia Stati Uniti
Pubblicazione originale
IncisioneBlackstar
Data2016
Durata4 min : 45 s

'Tis a Pity She Was a Whore è un brano musicale del musicista britannico David Bowie. La canzone venne dapprima pubblicata come singolo in rete per il download digitale il 10 novembre 2014, ed in seguito fu inclusa come B-side del singolo Sue (Or in a Season of Crime), pubblicato una settimana dopo. Una versione ri-registrata del pezzo venne poi inclusa nell'album Blackstar.

Il branoModifica

Il titolo della canzone deriva dal quasi omonimo dramma teatrale 'Tis Pity She's a Whore (Peccato che sia una sgualdrina) di John Ford, un drammaturgo inglese del diciassettesimo secolo.[1] Per la versione inclusa nell'album Blackstar, Bowie volle re-incidere la canzone affidando le parti di sassofono al musicista statunitense Donny McCaslin. Nella versione originale, era stato lo stesso Bowie a suonare il sax nel brano.[2]

Tracce singoloModifica

Digital download
  1. 'Tis a Pity She Was a Whore – 5:26
10" vinile (Parlophone — 10RDB2014)
  1. Sue (Or in a Season of Crime) – 7:24
  2. 'Tis a Pity She Was a Whore – 5:27
  3. Sue (Or in a Season of Crime) (Radio edit) – 4:01

NoteModifica

  1. ^ The Inside Story of David Bowie's Stunning New Album, "Blackstar", rollingstone.com, 23 novembre 2015
  2. ^ Jim Fusilli, 'Blackstar' Review: Ziggy Stardust Plays Jazz, su wsj.com, The Wall Street Journal, 5 gennaio 2016. URL consultato il 6 gennaio 2016.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock