Apri il menu principale
La filatrice di lana

Charles Émile Hippolyte Vernet-Lecomte (18211900) è stato un pittore francese, accademico e orientalista.

BiografiaModifica

Émile Vernet-Lecomte appartenne ad una famiglia di pittori illustri. Era pronipote di Claude Joseph Vernet (1714-1789), figlio di Hippolyte Lecomte a sua volta genero di Claude Vernet, e nipote di Horace Vernet. Quest'ultimo fu altresì uno dei suoi maestri, assieme a Léon Cogniet.

Lecomte cominciò la sua attività artistica dipingendo ritratti dell'alta borghesia e dell'aristocrazia parigina. Espose per la prima volta al Salon de Paris nel 1843 e in quell'occasione ricevette una medaglia di bronzo. Iniziò allora a firmare le sue tele col nome di Émile Lecomte, ma quasi subito assunse il cognome di Vernet-Lecomte.

Manifestò sempre un vivo interesse per i soggetti cosiddetti "orientali" e le sue prime opere su questo tema furono esposte al Salon del 1847. Realizzò infatti numerosissimi ritratti di donne nord-africane o medio-orientali, ma non poté peraltro restare indifferente al gusto dell'epoca; si dedicò quindi anche a quadri il cui tema era, ad esempio, "La guerra di Crimea" (1853-1855) o "Il massacro dei Maroniti da parte dei Drusi in Siria" (1860-1861).

Vernet-Lecomte morì nel 1900 a 79 anni.

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ Base joconde- 07760000896 - Femme fellah portant son enfant

Galleria d'immaginiModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN59356111 · ISNI (EN0000 0000 6663 1703 · LCCN (ENnr2001021406 · BNF (FRcb14965986r (data) · ULAN (EN500014333 · WorldCat Identities (ENnr2001-021406