Abietene

composto chimico
Abietene
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC19H30
Aspettoliquido
Numero CAS[1] numero CAS non valido
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)0,694 (15 °C)
Solubilità in acquainsolubile
Temperatura di ebollizione101 °C (374 K)
Indicazioni di sicurezza

L'Abietene, Abietan-8-ene, è un alchene naturale appartenente ai terpeni; fu descritto per la prima volta da W.T.Wenzell [1], ottenuto dalla distillazione della resina delle pigne di Pinus sabiniana, specie indigena della California. Secondo T.E.Thorpe [2], in base dati chimico-fisici forniti da Wenzell e da Sadtler, l'abietene altro non sarebbe stato che l'eptano. L'equivoco, innescato dal fatto che in California era venduta una trementina a base di eptano col nome di Abietene, durò per alcuni decenni sino alla elucidazione della struttura molecolare.

È ottenuto anche per decomposizione dell'acido abietico.

ProprietàModifica

Odore pungente simile all'olio di arancia. I vapori hanno potere anestetico. Si dissolve in 5 parti di alcool etilico 95°, scioglie gli olii volatili ad eccezione dell'olio di ricino. È attaccato dall'acido nitrico all'ebollizione, con acido cloridrico o cloro in presenza di catalizzatore fornisce prodotti di sostituzione clorurati. Reagisce con l'acido solforico concentrato, tra gli 0 °C e i 15 °C, per circa 20 ore, fornendo il rispettivo abietensolfonato [3].

UsiModifica

Gli abietensolfonati sono tensioattivi usati nell'industria tessile, e si ottengono per solfonazione.

NoteModifica

  1. ^ Amer. Jour. Pharm. Marzo 1872, p.97
  2. ^ Amer. Jour. Pharm. 1879, p.293
  3. ^ Seka, Ber., 57, 1527 (1924)
  Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia