Apri il menu principale

Adulis

sito archeologico in Eritrea
Adulis
MapHymiariteKingdom.jpg
Adulis viene citata nel I secolo nel Periplus maris erythraei
Localizzazione
StatoEritrea Eritrea
CittàZula
Scavi
Date scavi2011
Amministrazione
ResponsabileAngelo e Alfredo Castiglioni
Mappa di localizzazione

Coordinate: 15°16′12.35″N 39°37′49.44″E / 15.270096°N 39.630401°E15.270096; 39.630401

Adulis (o Adúli) è un sito archeologico situato nella regione del Mar Rosso Settentrionale dell'Eritrea, circa 60 km a sud di Massaua. Era il porto dell'antico Regno di Axum, da cui prende il nome la baia di Adulis. Si pensa che l'attuale città di Zula sorga nel luogo in cui sorgeva l'Adulis del periodo aksumita e che Zula possa essere il nome locale per il greco Adulis.

Archeologia del sitoModifica

Dal 2011 sono iniziate una serie di missioni di scavo coordinate dagli archeologi italiani Angelo e Alfredo Castiglioni, finalizzate a riportare in luce l'antico insediamento. Le ricerche sono condotte dal Centro Ricerche sul Deserto Orientale in collaborazione con archeologi del Museo di Asmara, del Museo Regionale di Massaua, dell'Università Cattolica di Milano, dell'Università "L'Orientale" di Napoli e del Laboratorio di Geotecnologie per l'Archeologia del Centro di GeoTecnologie (CGT) dell'Università di Siena e più recentemente del Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana di Roma. Tra il 2011 e il 2012 il CGT ha realizzato un nuovo rilievo topografico dell'intera città di Adulis, posizionando tutti i vecchi scavi compiuti nel XIX e nel XX secolo, e posizionando tutte le strutture murarie ancora visibili sulla superficie del terreno. Inoltre, il Centro si è occupato della gestione informatizzata in ambiente GIS di tutti i dati di scavo e dello scavo archeologico del settore 3, dove sono stati rinvenuti i resti di un imponente edificio che, allo stato delle ricerche, è inquadrabile nelle ultime fasi di vita della città.

I primi risultati emersi dagli scavi sono stati presentati in una mostra "Adulis, la città perduta" allestita presso il Museo Castiglioni di Varese, museo nato grazie alla donazione effettuata al loro comune dai fratelli castiglioni.

BibliografiaModifica

  • Stuart Munro-Hay. Aksum: An African Civilization of Late Antiquity. Edinburgh: University Press. 1991. ISBN 0-7486-0106-6.
  • Yuri M. Kobishchanov. Axum (Joseph W. Michels, editor; Lorraine T. Kapitanoff, translator). University Park, Pennsylvania: University of Pennsylvania, 1979. ISBN 0-271-00531-9.
  • A. F. L. Beeston: The Authorship of the Adulis Throne Text. In: Bulletin of the School of Oriental and African Studies London 43/3, 1980, 453-458.
  • Enno Littmann: Adule. In: Paulys Realencyclopädie der classischen Altertumswissenschaft (RE). Supplementband VII, Stuttgart 1940, Sp. 1–2.
  • Wilhelm H. Schoff: The Periplus of the Erythraen Sea. Travel and trade in the Indian Ocean by a merchant of the first century. New Delhi 2001.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

MappaModifica

Google Maps

Controllo di autoritàVIAF (EN243906891 · GND (DE7660348-9 · BNF (FRcb16231740c (data) · WorldCat Identities (EN243906891