Aerofagia

disfunzione dell'apparato digerente
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Aerofagia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM306.4
ICD-10F45.3
MeSHD000334

L'aerofagia è la presenza di un'eccessiva quantità di aria all'interno dello stomaco. La presenza di quantità fisiologiche è definita aerogastria[1].

ClinicaModifica

È caratterizzata da un rigonfiamento gassoso dell'addome con conseguente meteorismo e frequenti eruttazioni e flatulenze. Può causare anche dolore.

EziologiaModifica

Le cause che portano a tale manifestazione sono dovute: ad uno stato ansioso del soggetto, ad un ingurgitamento troppo veloce del cibo o dei liquidi, fermentazione di certi alimenti (in particolar modo quelli ad alta percentuale di grassi, i quali rallentano la digestione e contribuiscono ad un senso di gonfiore e gas), al fumo ed al consumo di gomme da masticare[senza fonte]. Talvolta l'insorgere della patologia può essere dovuta ad altri disturbi dell'apparato digerente quali ulcere o gastriti.

RimediModifica

In caso di aerofagia sono sconsigliati gli apporti alimentari quali: lattosio, raffinosio, fruttosio e sorbitolo.

Per evitare l'irritazione della mucosa intestinale è pertanto necessario l'introduzione di riso e/o orzo, ovvero alimenti a basso contenuto zuccherino.

NoteModifica

  1. ^ aerogastria, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina