Al-Abiwardi

poeta e storico persiano

Abu Muzaffar Muhammad al-Abiwardi (Kufa, 10641113) è stato un poeta, storico, genealogista persiano.

Abu Muzaffar Muhammad al-Abiwardi (1064-1113)[1]era un poeta, storico e genealogista arabo. Nato a Kufa vicino Abiward nel Khorasan, era un discendente diretto del califfo omayyade Muawiya II. In gioventù si trasferì a Bagdad, dove si pose al servizio di uno dei figli del Gran Visir selgiuchide, Nizam al-Mulk, ed ottenne il favore della corte del Califfo grazie alle sue poesie. Fu messo a capo probabilmente dopo il 1104-5 della Biblioteca di Nizamiyya. Diventò successivamente wali al-ashraf (protettore degli Sharīf ) a Esfahan, dove tuttavia cadde in disgrazia presso il Sultano Maometto, che lo fece avvelenare. Il diwan di al-Abiwardi è diviso tra composizioni di genere pastorale e composizioni riguardanti i califfi al-Muqtadi e al-Mustazhir.

Dopo l'Assedio di Gerusalemme del 1099 al-Abiwardi scrisse diverse poesie sull'argomento[2][3].

NoteModifica

  1. ^ Encyclopedia of Arabic literature, Volume 1 - Julie Scott Meisami, Paul Starke Routledge 1998 - pg 22
  2. ^ The Norton Anthology of English Literature: The Middle Ages: Topic 3: Texts and Contexts
  3. ^ The Crusades: Islamic perspectives - Carole Hillenbrand - Routledge 2000 pg 32,69,72
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie