Alcitoe

personaggio della mitologia greca, figlia di Minia

Nella mitologia greca, Alcitoe o Alcatoe (in greco antico: Ἀλκαθόη, Alkathóē) era una delle figlie di Minia re di Orcomeno.

MitologiaModifica

Alcitoe, figlia della capostipite del popolo dei Mini, che riuscì a costruire un potente impero nella Beozia, aveva diverse sorelle e fratelli fra cui Leucippe ed Arsinoe.

Queste tre sorelle sono note anche come Miniadi.

La punizioneModifica

Avendo rifiutato insieme alle sorelle di partecipare alla festa del culto di Dioniso, dove doveva unirsi ad altre donne della Beozia, il dio venne a punire le ragazze trasformandosi in continuazione, prima in toro, poi in pantera e leone facendole quasi impazzire. Alla fine Alcitoe insieme alle sorelle venne trasformata dal dio in pipistrello.

Pareri secondariModifica

Secondo altri mitografi le tre sorelle furono trasformare in uccelli da Ermes dopo che questi le ritrovò che girovagavano impazzite sulle montagne.

BibliografiaModifica

Fonti primarie
Fonti secondarie

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca