Apri il menu principale

Alvaro de Sande

generale spagnolo
Stemma di Álvaro de Sande, marchese de la Piovera

Alvaro de Sande (Cáceres, 1489Milano, 20 ottobre 1573) è stato un generale spagnolo.

Indice

BiografiaModifica

Don Alvaro de Sande partecipò a numerose campagne nell'esercito spagnolo tra cui la Conquista di Tunisi del 1535, la conquista di Düren e Roermond nel 1543, e la grande Battaglia di Mühlberg del 1549, nella quale si distinse particolarmente. Quando la campagna tedesca ebbe fine, Sande combatté nelle guerre in Italia contro la Francia tra le file dei tercios di Milano.

Malgrado l'età avanzata, nel 1560 prese parte alla Battaglia di Djerba contro i turchi che si concluse con un tremendo disastro. Dopo una battaglia in mare, i soldati sopravvissuti allo scontro si rifugiarono in un vicino forte ove erano destinati a finire i loro giorni abbandonati. Quando Giovanni Andrea Doria scappò con l'ausilio di un piccolo vascello, Sande divenne comandante delle forze presenti nel forte, che venne presto attaccato dalla forze combinate di Piyale Pascià e di Turgut Reis. Dopo un assedio della durata di tre mesi, la guarnigione si arrese e i 5000 soldati divennero prigionieri e lo stesso Alvaro de Sande venne portato a Istanbul. Dopo 5 anni Sande pagò la somma di 60.000 scudi e venne rilasciato col permesso di tornare in Spagna. Egli combatté nuovamente contro i turchi nell'Assedio di Malta del 1565.

Egli divenne Governatore di Milano ad interim dal 21 agosto 1571 rimanendo in carica sino al 7 aprile 1572.

Famiglia e titoliModifica

Egli era figlio di don Juan de Sande, secondo signore di Valhondo. Venne ricevuto a Valdefuentes dal re Filippo II di Spagna e nominato Marchese de la Piovera.

Sposò Antonia de Guzmán dalla quale ebbe un figlio, Rodrigo de Sande, II marchese de la Piovera.

Albero genealogicoModifica

Alvaro de Sande, I marchese de la Piovera Padre:
Juan de Sande, II signore di Valhondo
Nonno paterno:
Alvaro de Sande, I signore di Valhondo
Bisnonno paterno:
?
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Bisnonna paterna:
?
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Nonna paterna:
Inés González Espadero
Bisnonno paterno:
Gonzalo Lorenzo Espadero, signore di la Media Cacha
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Bisnonna paterna:
Elvira Alfonso de Valverde
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Madre:
?
Nonno materno:
?
Bisnonno materno:
?
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?
Bisnonna materna:
?
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?
Nonna materna:
?
Bisnonno materno:
?
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?
Bisnonna materna:
?
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?

FontiModifica

BibliografiaModifica

  • Romano Canosa, Storia di Milano nell'età di Filippo II, Sapere 2000, Roma 1996
  • Romano Canosa, La vita quotidiana a Milano in età spagnola, Longanesi, Milano 1996.