Apri il menu principale

Andrea D'Amico (Verona, 29 agosto 1964) è un procuratore sportivo italiano.

Andrea D'Amico in occasione della premiazione di Sebastian Giovinco come miglior giocatore della MLS

È stato tra i più giovani Agenti F.I.F.A., ha rivestito il ruolo di segretario generale dell'Assoprocuratori[1] e dal 2012 è vicepresidente vicario dell'Assoagenti[2] e membro della Commissione Agenti in FIGC[3].

Indice

BiografiaModifica

Nel corso della sua adolescenza ha praticato diversi sport, sia individuali che a squadra, come calcio, pallanuoto, basket e sci nautico. Successivamente, durante gli studi universitari, ha proseguito come istruttore, insegnando sci nautico e sci da neve. La sua carriera come procuratore sportivo ha avuto inizio nel luglio del 1990[4]. D'Amico, infatti, dopo essersi laureato in Giurisprudenza a Modena nel 1988, frequentava un master in Marketing e Business Administration. Durante un incontro casuale avvenuto al Jolly di Milano Fiori, dove si teneva il calciomercato, conobbe Oscar Damiani, che gli presentò Claudio Pasqualin. Da lì ebbe inizio la sua carriera come procuratore sportivo. Inizialmente seguiva i giocatori di Pasqualin, poi man mano iniziò ad avere i suoi, partendo però dalle categorie inferiori.

Carriera e riconoscimentiModifica

Nel 2006, in base ai dati dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, D'Amico si è classificato, in qualità di agente sportivo, al quinto posto per quote di mercato in volume (2,62%) e al secondo posto per quote di mercato in valore (8,6%)[5]. È stato eletto miglior procuratore dell'anno, per la stagione calcistica 2014/2015, agli Italian Sport Awards[6]. Per 17 anni è stato l'agente di Gennaro Gattuso[7], tornato in Italia dalla Scozia e approdato al Milan qualche anno dopo. Sempre nella squadra rossonera nel 1992 entrò anche Gianluigi Lentini[8], ceduto dal Torino che inizialmente pensava solo ad un prestito e non ad una vera e propria cessione del giocatore. Ha affiancato Alessandro Del Piero per contratti e immagine e ha portato Sebastian Giovinco prima alla Juventus e poi in Canada, dove è stato eletto miglior giocatore della MLS[9] nel 2015. Insieme ai suoi soci, ha lavorato agli ingaggi di numerosi calciatori, tra cui Francesco Toldo, Dino Baggio, Salvatore Bocchetti, Domenico Criscito, Marco Donadel, Luca Rigoni, Marco Rigoni, Maxi López, Luca Antonini, Ignazio Abate, Vincenzo Iaquinta, Alberto Aquilani e Ishak Belfodil. Inoltre, ha lavorato per completare il passaggio di Fabio Cannavaro a Dubai nel 2010[10]. Da gennaio 2016 Andrea D'Amico è l'agente di Marco Borriello. Dopo l'ipotesi del trasferimento in America per giocare nella MLS, l'ex giocatore del Carpi è passato all'Atalanta firmando un contratto fino a giugno 2016[11].

La Pasqualin D'Amico PartnersModifica

Nel 1990 D'amico e Pasqualin fondano insieme la Pasqualin D'Amico Partners, che origina dalla Avvocato Pasqualin Management fondata nel 1996 dall'avvocato[12], e di cui oggi fanno parte anche Alessandro D'Amico, fratello di Andrea, e Luca Paqualin, figlio dell'avvocato[13]. La società si occupa della gestione della carriera dei calciatori, inoltre fornisce assistenza ai calciatori per qualunque tipo di esigenza, dalla sponsorizzazione alle questioni in materia fiscale, passando per la consulenza legale e patrimoniale. Funge anche da filtro nei rapporti con i mass media[14]. Nel corso degli anni la Pasqualin D'Amico Partners si è occupata di alcuni degli affari considerati più importanti nel mondo del calcio. Si è inoltre distinta per aver intrapreso trattative con squadre straniere in cui far entrare alcuni calciatori italiani, aprendo i mercati internazionali di Scozia, Inghilterra e Spagna. Ad esempio, si è occupata del trasferimento di Gianluca Vialli dalla Juventus al Chelsea di Londra e del passaggio di Sergio Porrini e di Lorenzo Amoroso, rispettivamente dalla Fiorentina e dalla Juventus, ai Rangers di Glasgow. Viceversa, alcuni grandi calciatori stranieri sono passati per l'agenzia di D'amico e Pasqualin, come Oliver Bierhoff, Thomas Helveg, Paolo Montero, Cristián Zapata, Joachim Björklund e Nuno Gomes. In base alle rilevazioni dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nel 2006 la Pasqualin D'Amico Partners era al secondo posto per quote di mercato in volume(3,52%) e in valore (9,3%)[5], dietro la Gea World di Alessandro Moggi.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica