Anfinome (figlia di Pelia)

personaggio della mitologia greca, figlia di Pelia
Anfinome
SagaLe Argonautiche
Nome orig.Ἀμφινόμη
SessoFemmina

Anfinome (in greco antico: Ἀμφινόμη, Amphinómē) era un personaggio della mitologia greca, figlia di Pelia e sorella di Evadne ed Alcesti (dette Peliadi) e di Acasto[1].

MitologiaModifica

Pelia, nell'intento di per consolidare il proprio potere nel regno, aveva catturato il fratellastro Esone e sua moglie Polimela chiedendo poi al loro figlio Giasone di recuperare il vello d'oro come condizione per liberarli.
In realtà il re non aspettò tanto e li uccise subito.

La sposa di Giasone, Medea, vendicò da sola il torto subito riuscendo a convincere Anfinome e le sorelle (Evadne ed Alcesti), a fare a pezzi il proprio padre, sicure di compiere un rito che gli serviva per diventare giovane di nuovo[1].

NoteModifica

  1. ^ a b Diodoro Siculo, Libro IV 50 – 51,1 -53,1

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca