Apri il menu principale

Angelica Catalani

soprano italiano

BiografiaModifica

Già da bambina dimostrò particolare predisposizione al canto. Suo padre, che l'aveva affidata al Convento di Santa Lucia in Gubbio, la ricondusse a casa per farle studiare musica.

Nel 1797 capitò a Senigallia l'impresario veneziano Alberto Cavos, il quale, udita la diciassettenne Angelica, non esitò a farla debuttare quell'anno stesso al Teatro La Fenice di Venezia nella Lodoïska di Mayr. Fu il primo di una serie di successi.

I compositori scrivevano per lei appositamente opere, gli impresari gareggiavano tra loro in lauti stipendi. Recatasi, con vistoso compenso, a Lisbona, vi sposò un ufficiale francese, che la portò con sé a Parigi. Nella capitale francese fu ascoltata e notata da Napoleone, il quale le promise di voler corrisponderle lo stipendio di 100.000 Franchi l'anno; a tale importante offerta verbale la Catalani non seppe dare una risposta, ricordandosi del suo precedente impegno stabilito con Londra. Perciò andò in Inghilterra senza passaporto. A Londra il successo fu strepitoso ed i suoi guadagni altissimi (una sola serata le rese 2.000 Sterline).

Tornata a Parigi nel 1814, Luigi XVIII le affidò la direzione del Théâtre Italien, con il compenso annuale di 160.000 Franchi.

Ma il marito amministrò male il Teatro Italiano, scritturandovi artisti mediocri e sperando fortuna unicamente dal favore popolare per la Catalani, la quale, chiuso il teatro, fu costretta a riprendere i viaggi. Cantò in molte città d'Europa, ritrovandovi trionfali accoglienze.

Cantò, per l'ultima volta, a Châlons-sur-Marne il 20 gennaio 1830. Si ritirò poi in una sua villa presso Firenze.

Nel 1849 per sfuggire ad una epidemia di colera si recò a Parigi, ma vi morì proprio per questa malattia. Lasciò ai figli un patrimonio di diversi milioni.

BibliografiaModifica

  • Giorgio Appolonia, Angelica Catalani, ovvero della "poetica della meraviglia", pubbl in "Atti del convegno Cantante di Marca, Quaderni Musicali Marchigiani, QuattroVenti, 1999
  • Andrea Della Corte e Guido Maggiorino Gatti, Dizionario di Musica, Torino, 1925
  • G.Radiciotti, Angelica Catalani, pubbl. su Il Pianoforte, marzo 1924

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN59349171 · ISNI (EN0000 0001 1876 7152 · SBN IT\ICCU\CFIV\120081 · LCCN (ENnr95045669 · GND (DE118667505 · BNF (FRcb162178086 (data) · NLA (EN50119081 · CERL cnp01405107 · WorldCat Identities (ENnr95-045669