Apri il menu principale

Anne Vallayer-Coster (Parigi, 21 dicembre 1744Parigi, 28 febbraio 1818) è stata una pittrice francese.

Alexander Roslin, Anne Vallayer-Coster, 1783

Indice

BiografiaModifica

Figlia di un orefice, Anne Vallayer fu allieva di Wallerant Vaillant, di Madeleine Françoise Basseporte e di Claude Joseph Vernet, da cui attinse una particolare tavolozza di colori morbidi e lucenti. Accolta nell'Académie royale de peinture et de sculpture, il 28 luglio 1770, in seguito alla presentazione del dipinto Attributi della Pittura, della Scultura e dell'Architettura, datato 1769, espose nel 1771 al Salon de Paris, dove la sua Natura morta fu notata dal celebre enciclopedista Denis Diderot.

 
Attributi delle Arti, 1769, Louvre

Il 23 aprile 1781 sposò un avvocato, Jean-Pierre Sylvestre Coster, che fu accolto in Parlamento. Fece il suo ingresso come membro dell'Académie royale de peinture et de sculpture. Ottenne favori dalla regina Maria Antonietta d'Asburgo-Lorena, alla quale dava lezioni di disegno. Dipinse nature morte, ritratti e si dedicò anche alla miniatura. Al tempo della Rivoluzione francese finì per perdere ogni appoggio, per cui lasciò la Francia e andò in esilio. Tornò a Parigi dopo la caduta di Napoleone.

Tra i suoi dipinti più celebri: Strumenti della Musica (1769, Louvre), Ritratto di Joseph-Charles Roettiers (1777, Castello di Versailles), Natura morta: fiori e frutti, 1787, Musée d'art et d'histoire di Ginevra e Ritratto di una violinista (1773, acquistato per 900.000 Euro dal Museo nazionale di Stoccolma, a marzo 2015).

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica


BibliografiaModifica

  • (FR) Marianne Roland Michel, Anne Vallayer-Coster, 1744-1818, Paris, Comptoir international du Livre, 1970, SBN IT\ICCU\UBO\3574944.
  • (EN) Eik Kahng, Marianne Roland Michel, Anne Vallayer-Coster, painter of the court of Marie-Antoinette, Dallas-New Haven, Dallas museum of art-Yale university press, 2002, SBN IT\ICCU\LO1\0627043. Catalogo della Mostra itinerante, a Washington, Dallas e New York, nel 2002-2003.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN12576877 · ISNI (EN0000 0000 6660 4123 · LCCN (ENnr91031239 · GND (DE121652386 · BNF (FRcb14966487z (data) · ULAN (EN500007243 · CERL cnp00565771