Apri il menu principale
Antoine-François-Marie Deschamps

Antoine-François-Marie Deschamps (Parigi, 12 marzo 1800Passy, 28 ottobre 1869) è stato un poeta e traduttore francese legato al romanticismo e traduttore parziale della Divina Commedia di Dante Alighieri in francese[1].

BiografiaModifica

Antoine (o Antony) Deschamps nacque a Parigi, ed era il fratello di uno degli esponenti più rappresentativi del movimento romantico, Émile Deschamps, sul quale ebbe una certa influenza letteraria. Antony stesso scrisse alcune poesie, specialmente satire politiche, pubblicate nel 1831. La sua parziale traduzione[2] in versi della Divina Commedia di Dante, pubblicata nel 1829, gli fece guadagnare una certa fama. Manifestò un sempre vivo interesse per l'Italia, traducendo La resurrezione di Manzoni[3] e mantenendo contatti con i patrioti italiani. Lavorò anche con il suo amico Hector Berlioz, morendo poi lo stesso anno, dopo una lunga malattia nervosa[3].

OpereModifica

  • La Divine Comédie de Dante Alighieri, tradotta in versi francesi
  • Trois satires politiques, precedute da un prologo, 1831
  • Les Italiennes, 1832
  • Études sur l'Italie, 1834
  • Dernières paroles, poesie, 1835
  • Résignation, posie, 1839
  • Poésies de Émile et Antoni Deschamps, 1841
  • La Jeune Italie, 1844

NoteModifica

  1. ^ del Beccaro.
  2. ^ Parziale perché frutto della decisione di tradurre quei canti più in sintonia con lo spirito del movimento romantico. Cfr. del Beccaro: «Pubblicò (1829) una parziale traduzione della Commedia, che è in sostanza una scelta assai significativa di venti canti, testimonianza del gusto di quei giovani romantici e delle loro preferenze nei confronti dell'opera dantesca. Tale scelta comprende: i canti I, II, III, V, XV, XIX, XX, XXI, XXIII, XXV, XXXIII dell'Inferno; I, II, VI, IX del Purgatorio; V, VI, XV, XVII e un frammento del XXV del Paradiso.»
  3. ^ a b Gabetti.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88809809 · ISNI (EN0000 0000 8162 5678 · LCCN (ENno2004022680 · GND (DE115872310 · BNF (FRcb10431998r (data) · NLA (EN35035075 · BAV ADV10127058 · CERL cnp00384226 · WorldCat Identities (ENno2004-022680