Apri il menu principale

Apollodoro di Caristo

commediografo greco antico della Commedia nuova

Apollodoro di Caristo, detto anche l’Ateniese (in greco antico: Ἀπολλόδωρος, Apollòdōros; Caristo, ... – ...), è stato un commediografo greco antico, attivo nel III secolo a.C.

BiografiaModifica

Secondo il lessico Suda questo autore della commedia nuova, che non deve essere confuso con il più antico Apollodoro di Gela, aveva scritto 47 commedie, riportando cinque vittorie; fu soprannominato "Ateniese" poiché ottenne la cittadinanza ateniese.[1]

Oggi restano una decina di titoli e una trentina di frammenti, dai quali appare per vari aspetti un continuatore di Menandro.

Almeno in due casi Terenzio riadattò commedie di Apollodoro: nel Phormio, che è un rifacimento dell'Ἐπιδικαζόμενος (Epidikazòmenos, "Colui che reclama in giudizio") e nell'Hecyra, che riprende l'omonima Ἑκυρά (Hecyrà, '"La suocera").

Edizione dei frammentiModifica

  • R. Kassel, C. Austin, Poetae Comici Graeci, Berlino-New York, de Gruyter, 1983-, vol. II, pp. 485-501.

NoteModifica

  1. ^ Suda, α 3404 Adler.

BibliografiaModifica

  • Albin Lesky, Storia della letteratura greca Milano, Mondadori, 1991, vol. 3, p. 834.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Apollodoro di Caristo, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
Controllo di autoritàVIAF (EN251090204 · ISNI (EN0000 0004 3269 4991 · LCCN (ENno99006328 · GND (DE118649833 · CERL cnp00397367 · WorldCat Identities (ENno99-006328