Apri il menu principale
Aprile a Napoli/Nun m'aspettà chesta sera
ArtistaPeppino di Capri
Tipo albumSingolo
Pubblicazionefebbraio 1961
GenereMusica leggera
EtichettaCarisch (VCA 26126)
ProduttoreAlberto Carisch
Peppino di Capri - cronologia
Singolo successivo

Aprile a Napoli/Nun m'aspettà chesta sera e il quarantesimo singolo 45 giri di Peppino di Capri.

Indice

Il singoloModifica

La canzone Aprile a Napoli era stata scritta in inglese da Art Crafer e Jimmy Nebb, gli autori di No arms can ever hold you che il giovane cantante napoletano aveva portato al successo in Italia come Nessuno al mondo agli inizi del 1960. La versione originale dal titolo April in Naples era stata incisa da Di Capri negli Stati Uniti prima di questa versione (in parte tradotta in napoletano con la seconda parte lasciata in originale) uscita pochi mesi dopo l'incisione originale americana.

Il brano all'epoca ottenne un discreto successo negli USA e in Italia raggiunse la posizione n.10 in Hit Parade, rivelandosi un ottimo successo. La canzone e stata incisa anche da Connie Francis. Tuttavia non verrà più riproposta negli anni successivi dal cantante caprese, ne in studio ne dal vivo.

La versione originale in inglese venne ripubblicata nel 1967 nell'album A heart filled with music insieme ad altre incisioni d'oltreoceano e non del cantante. Il 45 giri originale statunitense del 1960 e alquanto introvabile.

Il brano sul lato B e un pezzo minore, mai riproposto successivamente come il primo. Entrambe le canzoni furono ripubblicate nell'album Peppino di Capri e i suoi Rockers alcuni mesi dopo.

TracceModifica

LATO A
  1. Aprile a Napoli (April in Naples) (testo originale di Art Crafer, musica di Jimmy Nebb; testo napoletano di Mario Cenci)
LATO B
  1. Nun m'aspettà chesta sera (testo di Mario Cenci, musica di Gino Mazzocchi e Giuseppe Faiella)

FormazioneModifica

BibliografiaModifica

  • Banca dati online opere musicali della SIAE
  • Geo Nocchetti, Peppino di Capri, il sognatore, Edizioni Rai/Eri, 2004
  • Vincenzo Faiella, Sergio Vellino, Peppino di Capri, cinquant'anni dal 1958 al 2008, Nicola Longobardi editore, 2008
  • Fernando Fratarcangeli, Peppino di Capri, la canzone napoletana si veste di Rock!, in Raro!, n.86, febbraio 1998, pp, 14/17
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica