Apri il menu principale

Aralioideae

sottofamiglia di pianta della famiglia Araliaceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Aralioideae
Aralia spinosa, Georgia, USA.jpg
Gruppo di Aralia spinosa
a Nesmith, Carolina del Sud
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Apiales
Famiglia Araliaceae
Sottofamiglia Aralioideae
(Jussieu, 1789)
Eaton, 1836
[1]
Tribù
  • Aralieae
  • Mackinlayeae
  • Schefflereae

La sottofamiglia Aralioideae (Jussieu, 1789) Eaton, 1836 include circa 50 generi riconosciuti di piante della famiglia Araliaceae[2]. Fra le piante di questa sottofamiglia vi sono il genere Panax, al quale appartiene il ginseng, e le specie Aralia spinosa (albero di Angelica o Devil's Walking-stick), Oplopanax horridus (Devil's Club) e Hedera helix (edera comune).

TassonomiaModifica

Tradizionalmente la sottofamiglia è stata suddivisa in molte tribù. Più recentemente[3], è emerso che le tribù Aralieae e Schefflerieae non erano delimitate con esattezza. Tuttavia, con lo spostamento di alcuni generi, si può probabilmente raggiungere la monofilia di ogni taxon. Allo stato attuale delle conoscenze, si respinge la separazione della tribù Panaceae dalla Aralieae ed è molto dubbio se si possa suddividere accuratamente la tribù Schefflerieae in Plerandreae e Tetraplasandreae. La tribù Mackinlayeae sembra formare un lignaggio più piccolo e più basale, ma molti altri generi sono ancora in attesa di studio. Pertanto, la sottofamiglia Aralioideae è suddivisa nelle seguenti tre tribù:

Si riportano i generi assegnati alle tre tribù, oltre a quelli incertae sedis:

AralieaeModifica

MackinlayeaeModifica

SchefflereaeModifica

Incertae sedisModifica

NoteModifica

  1. ^ Eaton, Bot. Dict., ed. 4: 37. Apr-Mai 1836.
  2. ^ Aralioideae - GRIN
  3. ^ (EN) Jun Wen, & al., The Evolution of Araliaceae: A Phylogenetic Analysis Based on ITS Sequences of Nuclear Ribosomal DNA (PDF), in Systematic Botany, vol. 26, nº 1, American Society of Plant Taxonomists, 2001, pp. 144-167. URL consultato il 15-06-2012.

Collegamenti esterniModifica