Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Arandaspida
Arandaspis NT.jpg
Ricostruzione di Arandaspis prionotolepis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Pteraspidomorphi
Ordine Arandaspida
Generi

Gli arandaspidi (Arandaspida) sono un gruppo di vertebrati fossili primitivi, tra i più antichi finora rinvenuti.

Indice

I primi "pesci"Modifica

I loro fossili risalgono all'Ordoviciano inferiore e medio (tra 480 e 440 milioni di anni fa). Si pensa appartenessero alla classe degli pteraspidomorfi, a causa della presenza di grandi placche in posizione dorsale e ventrale, caratteristiche del gruppo. I resti fossili di questi animali sono stati ritrovati in Sudamerica (Argentina e Bolivia) e Australia, in sedimenti marini. In generale, la forma del corpo ricordava quella di un girino stranamente allungato. Non erano presenti nessun tipo di pinne, a eccezione di quella caudale.

DescrizioneModifica

Gli arandaspidi sono caratterizzati da occhi posti anteriormente, frontali, in un'apposita fossetta che si apriva nello scudo dorsale. Tra questa grande placca e quella ventrale vi era una serie di venti piccoli scudi a forma di diamante. Tra queste placche si aprivano minuscole branchie esterne. Lo scudo cefalico degli arandaspidi è allungato, con un dorso relativamente piatto e un ventre bombato. Le narici, probabilmente, erano situate tra gli occhi. Le ossa dermiche degli arandaspidi erano composte di aspidina (osso acellulare) ed erano ornate da tubercoli privi di dentina.

 
Fossile di Sacabambaspis

InterrelazioniModifica

Gli arandaspidi comprendono quattro generi monospecifici: Arandaspis, Porophoraspis, Sacabambaspis e Andinaspis. Principalmente si rinvengono in strati dell'Ordoviciano medio, ma frammenti di corazze di arandaspidi sono stati ritrovati in terreni databili all'inizio dell'Ordoviciano. Non esiste una filogenia chiara del gruppo, considerato che Andinaspis e Porophoraspis sono conosciuti per frammenti. Le caratteristiche dei vari generi, dunque, si basano sull'aspetto degli ornamenti dermici. I tubercoli di Arandaspis sono a forma di goccia, quelli di Porophoraspis perforati da grandi pori, quelli di Andinaspis e Sacabambaspis sono a forma di foglia. Quale fosse il tipo di tubercoli più primitivo non è noto, anche se i frammenti più antichi richiamano quelli di Porophoraspis.

BibliografiaModifica

Gagnier, P. Y. (1989). The oldest vertebrate: a 470-million-year-old jawless fish, Sacabambaspis janvieri, from the Ordovician of South America. National Geographic Research, 5, 250-253.

Gagnier, P. Y. (1993a). Sacabambaspis janvieri, Vertébré ordovicien de Bolivie. 1, Analyse morphologique. Annales de Paléontologie, 79, 19-69.

Gagnier, P. Y. (1993b). Sacabambaspis janvieri, Vertébré ordovicien de Bolivie. 2. Analyse phylogénétique. Annales de Paléontologie, 79, 119-166.

Ritchie, A., and Gilbert-Tomlinson, J. (1977). First Ordovician vertebrates from the southern hemisphere. Alcheringa, 1, 351-368.

Shergold, J. H. (1991). Late Proterozoic and Early Palaeozoic palaeontology and biostratigraphy of the Amadeus Basin. In Geological and Geophysical Studies in the Amadeus basin, Central Australia (ed. R. J. Korsch and J. M. Kennard). Bulletin of the Bureau of Mineral Resources, 236, 97-111.

Altri progettiModifica

  Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci