Apri il menu principale

Archibald Hamilton, IX duca di Hamilton

politico scozzese
Coronet of a British Duke.svg
Archibald Hamilton, IX duca di Hamilton
9thDukeOfHamilton.jpg
Archibald Hamilton, IX duca di Hamilton, ritratto da Francis Cotes nel 1765
Duca di Hamilton
Stemma
In carica 1799 –
1819
Predecessore Douglas Hamilton, VIII duca di Hamilton
Successore Alexander Hamilton, X duca di Hamilton
Altri titoli Duca di Brandon
Conte di Arran
Conte di Lanark
Marchese di Clydesdale
Barone di Dutton
Nascita 15 luglio 1740
Morte Ashton Hall, Lancashire, 16 febbraio 1819
Sepoltura St. Mary's Church, Lancaster
Dinastia Hamilton
Padre James Hamilton, V duca di Hamilton
Madre Anne Spencer
Consorte Lady Harriet Stewart
Figli Anne
Alexander
Archibald
Charlotte
Susan

Archibald Douglas-Hamilton, IX duca di Hamilton (15 luglio 174016 febbraio 1819), è stato un politico scozzese.

BiografiaModifica

Infanzia ed educazioneModifica

 
Ritratto di James Hamilton, V duca di Hamilton, con indosso le vesti dell'Ordine del Cardo di William Hoare

Archibald era il figlio maggiore di James Hamilton, V duca di Hamilton, e di sua terza moglie, Anne Spencer. Studiò a Eton College.

Carriera politica e ascesa al DucatoModifica

Nel 1768, Hamilton divenne membro del Parlamento per il Lancashire, carica che mantenne fino al 1772. Nel 1799, ereditò i titoli dal nipote Douglas Hamilton ed è stato nominato suo successore come Lord Luogotenente del Lanarkshire.

Passione per le corse di cavalliModifica

Hamilton fu alla sua epoca una figura di spicco nel mondo delle corse di cavalli purosangue. Tra il 1786 e il 1814 i suoi cavalli vinsero sette corse dei St. Leger Stakes a Doncaster.[1]

MatrimonioModifica

Il 25 maggio 1765, sposò Lady Harriet Stewart, figlia del Alexander Stewart, VI conte di Galloway ed ebbero cinque figli.

MorteModifica

Morì il 16 febbraio 1819, all'età di 78 anni, presso Ashton Hall, Lancashire. Fu sepolto a St. Mary's Church, Lancaster.

DiscendenzaModifica

Dal matrimonio tra Archibald e Lady Harriet Stewart nacquero:

NoteModifica

  1. ^ Roger Mortimer, Richard Onslow e Peter Willett, Biographical Encyclopedia of British Flat Racing, Macdonald and Jane’s, 1999, ISBN 0-354-08536-0.