archive.is

archivio online di pagine web
archive.today
sito web
Logo
Archive.is-Screenshot.png
uno screenshot del sito
URLarchive.is, archive.fo, archive.li, archive.today e archive.ph
Tipo di sitoarchiviazione
LinguaInglese
Registrazioneno
Commercialeno
Lancio2012
Stato attualeattivo

archive.today (precedentemente archive.is) è un sito di archiviazione che memorizza screenshot di pagine web.[1] Il suo software recupera una pagina alla volta come fa WebCite, più piccola di 50 MB ciascuna, ma con supporto per siti "moderni" ("Web 2.0") come Google Maps e Twitter.

archive.today utilizza la navigazione senza header per registrare quali risorse incorporate devono essere acquisite per fornire un'archiviazione di alta qualità e crea un'immagine in formato PNG per fornire una visualizzazione statica e non interattiva della rappresentazione.[2]

archive.today può acquisire singole pagine in risposta a richieste specifiche di utenti.[3][4][5]

StoriaModifica

archive.today è stato fondato nel 2012. Il nome originariamente era archive.today ma nel maggio 2015 è stato cambiato il nome del mirror principale in archive.is.[6] Nel gennaio 2019 il mirror principale è divenuto archive.today.[7]

Da luglio 2013, archive.today supporta l'interfaccia di programmazione delle applicazioni (API) del Memento Project.[8][9]

CaratteristicheModifica

archive.today registra solo testo e immagini, escludendo video, XML, RTF, fogli di calcolo (XLS o ODS) e altri contenuti non statici. Tiene traccia della cronologia delle istantanee salvate, restituendo all'utente una richiesta di conferma prima di aggiungere una nuova istantanea di un indirizzo Internet già salvato.[10]

A partire da gennaio 2020 è stata introdotta l'anteprima dei video salvati da YouTube e, da marzo, un add-on specifico per Firefox.

Ad un dominio di primo livello può essere assegnato un offset fisso che limita il numero di pagine web memorizzabili. La coda viene gestita con logica FIFO: la pagina salvata per prima fra quelle di un dato dominio è anche la prima ad essere cancellata per lasciare spazio a nuove URL.
Se ad esempio le pagine memorizzate sono 1 750, l'istruzione http://archive.is/offset=10/http://web.archive.org/* rende come http://archive.is/offset=1785/http://web.archive.org/*.

La barra degli strumenti di ricerca abilita gli operatori di parole chiave avanzate, usando * come carattere jolly. Un paio di virgolette indirizzano la ricerca a una sequenza esatta di parole chiave presenti nel titolo o nel corpo della pagina Web.

Le pagine possono essere cancellate dai gestori del sito successivamente al loro salvataggio che non è permanente.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Martin Brinkmann, Create publicly available web page archives with Archive.is, su Ghacks, 22 aprile 2015. URL consultato il 13 giugno 2015 (archiviato il 23 luglio 2018).
  2. ^ (EN) Justin Brunelle, Mat Kelly, Michele C. Weigle e Michael L. Nelson, The impact of JavaScript on archivability (PDF), in International Journal on Digital Libraries, vol. 17, n. 2, 25 gennaio 2015, pp. 95–117, DOI:10.1007/s00799-015-0140-8. URL consultato il 30 luglio 2019 (archiviato il 27 maggio 2019).
  3. ^ (EN) Dan Dascalescu, Web page archiving – Dan Dascalescu's Wiki (review), su Wiki.dandascalescu.com, 18 febbraio 2013. URL consultato il 3 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2013).
  4. ^ (EN) Jason Koebler, Dear GamerGate: Please Stop Stealing Our Shit, su Motherboard, 29 ottobre 2014. URL consultato il 30 luglio 2019 (archiviato il 27 maggio 2019).
    «There is no way for a website to protect itself from having an Archive.today user mirror the site.».
  5. ^ (EN) archive.is/faq, su archive.is. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  6. ^ (EN) Why did you change the URL back from archive-today to archive-is?, su Archive.is Blog, 3 maggio 2015. URL consultato il 6 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2015).
  7. ^ (EN) archive.today, Please do not use archive.IS mirror for linking (Tweet), su Twitter, 4 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2019).
  8. ^ (EN) Michael L. Nelson, Archive.is Supports Memento, su Research and Teaching Updates, Web Science and Digital Libraries Research Group at Old Dominion University, 9 luglio 2013. URL consultato il 17 settembre 2013 (archiviato il 27 luglio 2013).
  9. ^ (EN) archive.is, su Memento Protocol Information, Memento Development Group. URL consultato il 17 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2013).
  10. ^ (EN) Example snapshot history on archive.is, su archive.today.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica