Apri il menu principale
Sant'Arsenio
Arsenius der Grosse1.jpg
Icona bulgara raffigurante il Vescovo Arsenio I
 

Vescovo

 
Morte1267
Venerato daChiesa ortodossa serba
Ricorrenza28 ottobre

Arsenio I (Śrem, ... – Peć, 1267) è stato arcivescovo ortodosso serbo di Peć dal 1234 fino alla sua morte. Viene considerato santo dalla Chiesa ortodossa serba.

BiografiaModifica

Trascorse gran parte della sua esistenza come monaco del monastero di Studenica, sotto la direzione spirituale di Sava. A causa della profonda devozione ascetica di Arsenio, Sava, dopo essere stato nominato arcivescovo, scelse quest'ultimo come igumeno del monastero.

Quando la Serbia fu invasa dalla Bulgaria, Sava inviò Arsenio a trovare un luogo sicuro nel sud della Serbia tale da poter diventare sede del trono episcopale. Arsenio scelse Peć, e ivi costruì un monastero e una chiesa dedicata ai Santi Apostoli.

Prima di partire per il suo viaggio episcopale per Gerusalemme, avvenuto nel 1223, Saba designò Arsenio come proprio successore e cedette lui la cattedra vescovile nel 1234. Nel 1235, Saba morì a Veliko Tărnovo, l'allora capitale bulgara, dopo un rito religioso e Arsenio ebbe il compito di recuperare il suo corpo e seppellirlo in Serbia.

Arsenio morì nel 1267 e fu sepolto inizialmente nel monastero di Peć, da dove le sue reliquie furono traslate a Zhrebaonik, in Montenegro.

CultoModifica

Viene commemorato dalla Chiesa ortodossa serba il 28 ottobre.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN231829052 · GND (DE138167168 · CERL cnp01174201 · WorldCat Identities (EN231829052