Apri il menu principale
Arthur Arnould

Arthur Arnould (Dieuze, 7 aprile 1833Parigi, 26 novembre 1895) è stato un giornalista e scrittore francese. Fece parte del Consiglio della Comune di Parigi.

Indice

BiografiaModifica

Figlio di un insegnante, dopo una breve carriera nell'amministrazione dello Stato divenne giornalista di opposizione al Secondo Impero, subendo ammende e carcere.

Con la proclamazione della Repubblica, il 4 settembre 1870, fu nominato vicesindaco del IV arrondissement di Parigi. Il 26 marzo 1871 fu eletto al Consiglio della Comune e membro della Commissione esteri, passando il 6 aprile alla Commissione lavoro e scambio, il 21 aprile alla sussistenza e il 4 maggio alla Commissione istruzione.

Il 1º maggio fu addetto, con Vermorel, alla redazione del Journal officiel della Comune e votò contro la creazione del Comitato di Salute pubblica. Dopo la Settimana di sangue si rifugiò in Svizzera mentre la corte marziale di Versailles lo condannava alla deportazione in contumacia.

Anarchico d'ispirazione prudhoniana, scrisse nel 1877 L'État et la Révolution e nel 1878 l'Histoire populaire et parlementaire de la Commune de Paris. Tornato a Parigi dopo l'amnistia del 1880, con lo pseudonimo di A. Matthey, il cognome della moglie, pubblicò alcuni romanzi di successo e, negli ultimi anni, si dedicò alla teosofia, pubblicando nel 1895 le Croyances fondamentales du buddhisme.

ScrittiModifica

  • Béranger. Ses amis, ses ennemis et ses critiques, Paris, Joël Cherbuliez, 1864
  • L'Etat et la Révolution, Librairie Socialiste, Henri Kistemaeckers, Genève-Bruxelles, 1877
  • Histoire populaire et parlementaire de la Commune de Paris, 3 voll., Librairie socialiste, Henri Kistemaeckers, Genève-Bruxelles, 1878
  • Le drame de la Croix-rouge, Paris, Charpentier, 1882
  • Les croyances fondamentales du bouddhisme, Paris, Societé Théosophique, 1895

BibliografiaModifica

  • Bernard Noël, Dictionnaire de la Commune, I, Paris, Flammarion, 1978

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN39372992 · ISNI (EN0000 0000 8117 8273 · LCCN (ENn50002583 · GND (DE101143885 · BNF (FRcb11889184n (data) · NLA (EN36591006
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie