Assedio di Gerusalemme (1244)

Assedio di Gerusalemme
parte Crociate
Data15 luglio 1244
LuogoGerusalemme
EsitoVittoria dell'Impero corasmio e degli Ayyubidi
Gerusalemme saccheggiata
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
InferioriSconosciuti
Perdite
SconosciuteSconosciute
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

L'assedio di Gerusalemme del 1244 ebbe luogo dopo la cosiddetta Sesta Crociata, allorché i Corasmi conquistarono la Città Santa il 15 luglio 1244.

Gerusalemme era tornata sotto controllo cristiano nel 1243, ceduta dai musulmani di Siria e Palestina in funzione anti-egiziana. Sultano d'egitto era all'epoca al-Salih Ayyub, che invitò le forze corasmie (profughe dopo la caduta del loro regno ad opera di Gengis Khan e messesi al soldo del miglior offerente nell'area siro-palestinese come milizie mercenarie) a riprendere per suo conto il controllo della città.

L'opera fu facilmente portata a compimento e, dopo un breve assedio (facilitato dalla mancanza di difese murarie, in base all'accordo tra Federico II e al-Malik al-Kāmil), Gerusalemme fu completamente rasa al suolo.

La Settima Crociata guidata da Luigi IX di Francia fu motivata dalla volontà di vendicare il massacro seguito alla conquista delle truppe del Khwārezm-Shāh, ma l'impresa si risolse in un disastro contro l'ascendente dinastia dei Mamelucchi.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica