Apri il menu principale

Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

ACRI - Associazione di Fondazioni e di
Casse di Risparmio Spa
Sede ACRI Roma.jpg
Sede in via del Corso 267
AbbreviazioneACRI
TipoAssociazione
Affiliazione internazionaleGruppo Europeo delle Casse di Risparmio
Fondazione1912
Scopoassociazionismo bancario e finanziario
Sede centraleItalia Roma
PresidenteItalia Francesco Profumo[1]
DirettoreGiorgio Righetti
Lingua ufficialeitaliano
Membri128 associati tra fondazioni bancarie, casse di risparmio, banche del monte ed altri.[2] (2015)
Sito web

L'ACRI - Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa (nota anche solo con l'acronimo ACRI) è l'organizzazione di rappresentanza delle casse di risparmio costituite come società per azioni e delle fondazioni di origine bancaria costituite in base alla riforma Ciampi-Amato del 1990.[3]

L'Associazione, con sede in Roma, via del Corso 267, è presieduta da Francesco Profumo dal 2019.

AssociatiModifica

Nel 2016 risultano 119 associati:[2]

Gli associati ACRI totalizzano un attivo patrimoniale di 84,6 miliardi di euro.[5]

AttivitàModifica

Associazione ad adesione volontaria, l'ACRI si dichiara senza fini di lucro ed apolitica.[6] L'ACRI svolge le seguenti attività:

  • rappresentanza e tutela degli interessi generali delle associate per favorirne il conseguimento delle finalità istituzionali, la salvaguardia del patrimonio e lo sviluppo tecnico ed economico;
  • coordinamento della loro azione, nei settori di rispettivo interesse, per renderla più efficace, nonché promozione di iniziative consortili e di attività di interesse comune;
  • ricerca e promozione di rapporti di collaborazione operativa fra le associate ed enti, società e organismi di rilievo italiani e stranieri, concordando ipotesi di convenzioni o accordi da sottoporre all'approvazione delle associate.

Il coordinamento delle iniziative delle associate è necessario anche per la partecipazione delle fondazioni bancarie al 18,4% del capitale sociale della Cassa depositi e prestiti e per coordinarne le iniziative di beneficenza che nel 2014 hanno raggiunto i 18 miliardi di euro.[7]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia