Apri il menu principale

L'Atto di Pietro è un breve apocrifo del Nuovo Testamento relativo a Pietro apostolo, scritto in greco e contenuto nel Codex Berolinensis Gnosticus 8502, datato al V secolo. Non va confuso con un altro testo apocrifo, gli Atti di Pietro. È di origine gnostica.

Il testo descrive il risanamento miracoloso da parte di Pietro nei confronti della figlia storpia, esaltandone la verginità.

Dato l'avanzato periodo di composizione e lo stile eccessivamente favolistico l'apocrifo non può essere considerato un fedele resoconto storico, sebbene non si possa escludere una ripresa di precedenti tradizioni orali.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Traduzione inglese a cura di James Brashler e Douglas M. Parrott dal sito ccat.sas.upenn.edu
  Portale Apocrifi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di apocrifi