Augusta Acconcia Longo

docente universitaria italiana

Augusta Acconcia Longo (Acuto, 30 dicembre 1940Roma, 11 novembre 2016) è stata una filologa italiana bizantinista.

BiografiaModifica

Nata ad Acuto, piccolo paese in provincia di Frosinone, frequentò l'Università "La Sapienza" di Roma, dove si laureò in Lettere nel 1964 discutendo una tesi in Filologia bizantina sotto la guida di Giuseppe Schirò. Collaborò alle attività della cattedra di Filologia e Storia bizantina prima come assistente volontario e poi, vincitrice di concorso, come assistente ordinario. Fu professoressa incaricata e poi associata di greco medievale alla Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari dell’Università "La Sapienza" di Roma nel periodo tra il 1974 e il 1994. Successivamente fu ordinaria di Filologia bizantina all’Università di Salerno fino al 2000. Infine ha chiuso la sua carriera di docente come ordinario di Civiltà bizantina presso la Facoltà di Lettere e Filosofia della Sapienza (2000-2010).[1]

Attività di ricercaModifica

Ha collaborato al notiziario bibliografico della rivista Byzantinische Zeitschrift, ha diretto la Rivista di Studi Bizantini e Neoellenici e la collana Testi e studi bizantino-neoellenici, e ha fatto parte del comitato scientifico della rivista Nea Rhome edita dall'Università degli Studi di Roma Tor Vergata.[2] Si è occupata, nel corso della sua attività scientifica, di diversi campi di indagine e ha curato l'editio princeps di numerosi inediti: ha studiato i testi innografici e la poesia di imitazione classica e di contenuto sacro e profano; ha pubblicato testi letterari e documentari agiografici, soprattutto italo-greci, con particolare attenzione alle leggende agiografiche di età iconoclasta, scoprendo, tra l'altro, alcuni testi ereticali sfuggiti alla censura ortodossa; si è inoltre interessata alla storia della grecità bizantina in Italia meridionale e in Sicilia e ai suoi rapporti con l'Oriente e il mondo latino, dal VII secolo alla prima età angioina.[3]

Pubblicazioni (selezione)Modifica

  • La passio di s. Nicone e cc. mm. (BHG 1369): un nuovo testo agiografico iconoclasta?, «Rivista di Studi Bizantini e Neoellenici» n.s. 38 (2001), pp. 27-68
  • Ricerche di agiografia italogreca, in "Testi e studi bizantino-neoellenici" 13, Roma 2003
  • Vite Passioni Miracoli dei santi, in Lo spazio letterario del medioevo, 3.I, La cultura bizantina, Roma 2004, pp. 183-227
  • Agiografia e tradizioni cultuali in Sicilia, in "Atti del Convegno Catania-Siracusa: 1-2 ottobre 2004", Catania 2006, pp. 283-305
  • I vescovi nell'agiografia italogreca: il contributo dell'agiografia alla storia delle diocesi italogreche, in Histoire et culture dans l'Italie byzantine, Ecole Française de Rome 2006, pp. 127-153
  • Santi siciliani di età iconoclasta, in Euplo e Lucia: Agiografia e tradizioni cultuali in Sicilia, Catania 2006, pp. 283-305
  • Considerazioni sulla chiesa di S. Maria dell'Ammiraglio e sulla Cappella Palatina di Palermo, in «Nea Rhome» 4 - 2007, pp. 267-293 online (PDF; 774 kB)
  • I santi nell'innografia liturgica bizantina, in Liturgia e agiografia tra Roma e Costantinopoli, Grottaferrata 2007, pp. 59-72

NoteModifica

  1. ^ Augusta Acconcia Longo (PDF), su studibizantini.it, p. 1. URL consultato il 6 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2014).
  2. ^ Filomena Fotia, Storia: addio ad Augusta Acconcia Longo, studiosa della civiltà bizantina, su meteoweb.eu. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  3. ^ Scheda personale Augusta Acconcia Longo, su w3.uniroma1.it. URL consultato il 6 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2013).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN46809109 · ISNI (EN0000 0001 1634 4041 · LCCN (ENn97096199 · GND (DE1163970670 · BNF (FRcb12205541z (data) · BAV (EN495/74269 · WorldCat Identities (ENlccn-n97096199