Apri il menu principale
Pianta del centro di Costantinopoli, con l'Augustaion tra la basilica di Hagia Sophia e il Gran Palazzo

L'Augustaion era uno spazio chiuso di Costantinopoli, compreso tra la basilica di Hagia Sophia e il Gran Palazzo.

Storia dell'AugustaionModifica

Fu progettato dall'imperatore Costantino I sul luogo dell'antica agorà della città, noto come Tetrastoon: qui si trovava una statua della madre dell'imperatore, Elena, collocata su di una colonna. Sul lato orientale dell'Augustaion si trovava il Senato di Costantinopoli, costruito da Costantino o da suo nipote Giuliano.

 
Disegno della statua equestre di Giustiniano I all'Augustaion di Costantinopoli

La piazza ricevette un primo intervento nel 459 e un secondo a seguito della Rivolta di Nika del 532 quando il Senato venne distrutto, per essere ricostruito, quello stesso anno, dall'imperatore Giustiniano I. Sempre Giustiniano aggiunse all'Augustaion l'omonima colonna sulla cui sommità era posta una sua statua equestre bronzea, descritta ampiamente da Procopio di Cesarea nella sua opera Edifici (i.2.11-12). Dell'apparato iconografico della piazza in questo periodo faceva parte anche un gruppo statuario raffigurante tre re barbari che offrono tributi, posto di fronte alla colonna di Giustiniano: il complesso dei re barbari e della statua equestre imperiale era estremamente popolare, tanto che venne riprodotto su diversi supporti, come nella raffigurazione dell'imperatore trionfante dell'avorio Barberini.

A seguito della presa di Costantinopoli, Maometto II fece rimuovere la statua equestre e la fece fondere; la relativa colonna fu distrutta intorno al 1515.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  • AUGUSTAION, Progetto Byzantium 1200: ricostruzione computerizzata dell'Augustaion
Controllo di autoritàVIAF (EN4316147786763368220004 · GND (DE111724203X · WorldCat Identities (EN4316147786763368220004