Bach-Werke-Verzeichnis

sistema di catalogazione per le composizioni di Johann Sebastian Bach
(Reindirizzamento da BWV)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "BWV" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi BWV (disambigua).

Il sistema di catalogazione BWV, o Bach-Werke-Verzeichnis ("Catalogo delle opere di Bach"), permette di riferirsi con certezza, usando il relativo numero di opus, a una precisa composizione di Johann Sebastian Bach fra le oltre mille censite da Wolfgang Schmieder, l'autore del catalogo. La prima edizione del catalogo è del 1950, mentre la seconda edizione è del 1990. Nel 1998 è stata pubblicata una seconda versione più abbreviata della seconda edizione, nota come BWV2a. I numeri BWV sono universalmente utilizzati e accettati come standard per la numerazione delle opere di Bach.

CaratteristicheModifica

A differenza di altri cataloghi, che sono organizzati in maniera cronologica, quello di Schmieder è ordinato per tipologia: ad esempio, i corali vengono per primi, poi le opere per organo, e così via. Per questo motivo un numero di BWV basso non è necessariamente correlato ad un'opera giovanile (ad esempio, l'opus BWV 992 è stato composto molti anni prima della cantata BWV 1). Alla lista di opere del BWV si è aggiunta un'appendice, nota con il nome di Anhang (Anh., ovvero "appendice"), con la quale si elencano le opere di Bach perdute, di sua dubbia provenienza o composizioni sparse.

  • BWV 1-524 - Composizioni vocali
  • BWV 525-771 - Composizioni per organo
  • BWV 772-994 - Composizioni per clavicembalo
  • BWV 995-1040 - Musica da camera
  • BWV 1041-1071 - Concerti e suite per orchestra
  • BWV 1072-1080 - Composizioni contrappuntistiche
  • BWV 1081-1128 - Aggiunte recenti
  • BWV Anh. 1-212 - Appendice (Anhang)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica