Batrachomorpha

Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Batrachomorpha
Diplocaulus BW.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Sarcopterygii
Superclasse Tetrapoda
Classe Batrachomorpha (Von Huene, 1956)

Batracomorfi (dal greco "a forma di rana") è il nome dato agli anfibi, viventi od estinti, che non sono imparentati coi rettili. Il nome fu creato nel 1956 in riferimento ad un superordine della sottoclasse Eutetrapoda: al momento della sua creazione, l'ordine comprendeva gli stegocefali, gli anuri e molti labirintodonti. Tale classificazione, tuttavia, fu presto abbandonata e mai più seguita.

Il nome fu riscoperto ed adattato in base alle nuove nozioni di cladistica per designare tutti gli anfibi, viventi ed estinti, ed i loro antenati: il nome fu giudicato più opportuno rispetto ad Amphibia, che si riferisce semplicisticamente ai tetrapodi diversi dagli amnioti. Le relazioni certe fra i vari gruppi di tetrapodi non sono ancora state definite, quindi la validità dei batracomorfi dipende dai risultati dei prossimi studi sull'argomento.

I batracomorfi hanno come caratteristica comune il cranio appiattito e 4 o meno dita su ciascun arto. Il gruppo dei Batracomorpha è in contrapposizione al gruppo Reptiliomorpha: il primo rappresenta la linea evolutiva degli anfibi, il secondo l'evoluzione dei proto-rettili fino agli amnioti.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Anfibi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anfibi